Cronaca Libertà / Via Nazariantz Hrand

Ponte asse nord-sud, riparte il cantiere. Via Nazariantz chiusa al traffico

Strada chiusa nel tratto fra via Francesco Crispi, Via Bruno Buozzi e corso della Carboneria; il mercato settimanale si sposta in zona Fiera. Polizia municipale impegnata a monitorare la circolazione stradale per ridurre al minimo i possibili disagi

Il progetto per il ponte dell'Asse nord-sud

Pronti, via. Il cantiere per la costruzione del ponte dell’asse Nord-Sud riapre dopo l’interruzione causata dalla necessità di realizzare due perizie di variante. Il ponte, lungo 626 metri, alto 78, sorretto da un fascio di cavi di acciaio e sviluppato su dieci campate,  si sarebbe dovuto inaugurare già nei primi mesi del 2012, ma una serie di intoppi di natura sia burocratica che progettuale ne hanno ritardo i lavori.

Da stamattina sarà chiusa al traffico via Nazariantz, nel tratto compreso fra via Francesco Crispi, via Bruno Buozzi e corso della Carboneria. Il mercato settimanale sempre da oggi sarà spostato nei pressi della Fiera del Levante, nonostante la 77esima edizione della campionaria sia appena iniziata. Tra i commercianti c’era chi chiedeva uno  spostamento di almeno una settimana del’area mercatale, per evitare di creare una sovrapposizione con la storica campionaria. Ma dal Comune non hanno voglia di perdere altro tempo e per questo hanno chiesto all’impresa aggiudicataria dei lavori di ripartire con la costruzione dell’opera. Via Nazariantz sarà bloccata tra via Crispi e via Bruno Buozzi, ragion per cui una parte del traffico sarà dirottata su via Dante, con evidenti rischi di congestionamento della circolazione stradale. Per la polizia municipale si tratterà di monitorare i flussi e comprendere, insieme al consigliere delegato alla Mobilità Antonio Decaro, eventuali soluzioni.

Per l’opera sono stati stanziati 32 milioni di euro. Essa rappresenta una delle infrastrutture strategiche più importanti per la città di Bari che permetterà di connettere i quartieri Carrassi, Poggiofranco e Carbonara con il rione Libertà e il lungomare nord di Bari.

Negli anni scorsi il Comune ha dovuto elaborare due perizie di variante, dopo che con l’apertura del cantiere vennero fuori alcuni problemi, a partire dalle indagini geologiche operate nel sottosuolo che spinsero i progettisti a realizzare i piloni in acciaio e non più in calcestruzzo armato, una variazione che su lungo periodo permetterà minori costi di manutenzione. Ora la speranza è che non ci siano più rallentamenti e che questa opera possa essere inaugurata non più tardi di un anno. “Dovremo sopportare un po' di disagi ma alla fine questo asse di scorrimento ridurrà il traffico sulle strade cittadine”, commenta Antonio Decaro che da stamattina sarà impegnato a monitorare la situazione del traffico cittadino. Nelle prossime ore ne sapremo di più.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ponte asse nord-sud, riparte il cantiere. Via Nazariantz chiusa al traffico

BariToday è in caricamento