menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il 'salotto' Bari vecchia

Il 'salotto' Bari vecchia

Wi-fi, 'salotti' e telecamere: la nuova via Sparano "pronta nel 2018"

Presentato il bando di gara per il restyling della più importante strada commerciale della città. Lavori per 4,6 milioni di euro: via le palme, nuova pavimentazione. Cantieri già a fine anno per una durata complessiva (si spera) di 16 mesi

Stavolta si farà sul serio: il Comune ha ufficializzato il bando per il restyling di via Sparano, opera attesa da tanti anni per riqualificare la strada commerciale più importante della città. Il progetto esecutivo è stato illustrato questa mattina a Palazzo di Città: i lavori costeranno 4,6 milioni di euro (4 milioni dal Piano Città del Governo e la restante parte con fondi comunali) ma potranno esservi apportate migliorie fino a 1,2 milioni di euro a carico delle imprese vincitrici. Una formula nuova che permetterà di rendere ancor più interessante il progetto. I lavori, se tutto va bene, potranno cominciare verso fine anno e dureranno 16 mesi. L'intenzione è quella di procedere isolato per isolato, in modo da creare meno disagi possibili ai commercianti, con i quali verranno concordate le modalità d'azione. Se tutto verrà rispettato la nuova via Sparano sarà integralmente pronta nel 2018.

D'altra parte la strada verrà completamente ristrutturata. Spariranno le palme che verranno ricollocate in altri luoghi della città, da parco 2 giugno ai giardini Isabella d'Aragona: via anche i marciapiedi con l'asse viario quindi libero da Corso Vittorio Emanuele alla stazione: nel mezzo vi saranno 6 salotti dedicate alla musica, alla letteratura, alla valorizzazione del liberty di palazzo Mincuzzi, al culto religioso (in corrispondenza della chiesa di San Ferdinando), alla Moda e, infine, alla città vecchia, con l'ultimo isolato, in corrispondenza di corso Vittorio Emanuele, sul quale verrà incisa una mappa del Bordo Antico e del Murattiano con alcune sedute a forma di parallelepipedo (poco gradite nella fase progettuale precedente) a simboleggiare i palazzi del quartiere. Rispetto alla versione presentata l'anno scorso, vi sono più fioriere e sono spuntate panchine con lo schienale.

Tra le novità più intriganti anche un nuovo assetto tecnologico con il rifacimento degli impianti elettrici, fognari e tecnologici. Vi sarà anche il wi-fi e una rete di telecamere di videosorveglianza agli incroci, con estensione anche nelle traverse limitrofe. Pavimentazione nuova di zecca, così come le griglie per lo scolo dell'acqua, da realizzare in acciaio e con impresso il nome della via dello shopping. Potenziata anche l'illuminazione stradale, 'personalizzata' in base ai differenti salotti lungo l'arteria cittadina mentre su piazza Umberto, liberata da panchine e fioriere, verranno collocate le basole in pietra vulcanica che saranno ritrovate durante i lavori. Una vera e propria rivoluzione che interesserà, appunto, anche gli incroci, modellati in modo da evitare il passaggio veloce delle automobili: "E' la strada più importante della città - ha dichiarato il sindaco Antonio Decaro - e finalmente siamo giunti alla fase di gara. Come avevo annunciato a inizio anno, questo progetto sarà uno dei 4 grandi interventi che vogliamo materialmente avviare entro il 2016, ovvero l'allargamento di via Amendola, i lavori alla Rossani e la bonifica della Fibronit, opere che cambieranno radicalmente la città". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento