Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca Turi

Contrasto al lavoro nero, controlli serrati a Turi: sigilli ad impresa agricola

I carabinieri hanno ispezionato negli scorsi giorni cinque ditte, scoprendo che in una c'erano sette impiegati senza contratto su 11

In uno dei casi la maggior parte dei lavoratori - sei italiani su 11 - non aveva regolare contratto di lavoro, ma durante gli altri controlli sono emerse diverse altre irregolarità: imperversa anche nella Provincia di Bari il fenomeno del lavoro nero. Negli scorsi giorni i carabinieri hanno effettuato una serie di ispezioni in cinque aziende agricole della zona di Turi, settore in cui la presenza di impiegati non contrattualizzati è sempre più elevata.

E così si è scoperto che il caso già raccontato non era l'unico: su 56 braccianti identificati dai militari, solo 11 non lavoravano in nero. E, a differenza di quanto si potrebbe pensare, il fenomeno non interessa solo gli stranieri, visto che sul totale solo sette erano europei e sei di nazionalità marocchina.

La ditta che aveva oltre il 20 percento dei lavoratori irregolari, come indicato dalla legge, è stata chiusa con un provvedimento di sospensione dell'attività. "Le irregolarità - spiegano i militari - spesso interessano anche la sicurezza stessa dei braccianti, non solo per la accertata mancanza di protezione nell’ uso di attrezzature idonee, ma anche per l’omissione nella vigilanza sanitaria". E in questo caso per i titolari delle aziende scattano non solo sanzioni pecuniarie, ma anche le denunce per violazione in materia di lavoro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contrasto al lavoro nero, controlli serrati a Turi: sigilli ad impresa agricola

BariToday è in caricamento