Cronaca

Legge 'taglia-ulivi', la polemica arriva in Parlamento: interrogazione del M5s

Interrogazione scritta del deputato pugliese M5S L'Abbate per chiedere chiarimenti su alcuni aspetti controversi della legge regionale. Oggi i rappresentanti del movimento di protesta a Roma

Le polemiche sulla legge regionale per la tutela degli ulivi monumentali arrivano in Parlamento. Ieri il deputato pugliese del Movimento 5 Stelle, Giuseppe L'Abbate, ha presentato alla Camera dei Deputati una interrogazione scritta per chiedere chiarimenti "sulle modifiche 'taglia ulivi' apportate dalla giunta Vendola poche settimane fa alla legge regionale 14/2007 che tutela il paesaggio e gli ulivi monumentali" e che "consentono la possibilità di espianto degli ulivi in presenza di un permesso di edificabilità del suolo antecedente il 2007". Modifiche che hanno dato vita alle proteste portate avanti dal 'Movimento per la tutela degli ulivi secolari e dei paesaggi di Puglia', secondo il quale esse rappresentano un clamoroso passo indietro rispetto all'intento originario della legge.

"L'obiettivo dell'interrogazione - afferma L'Abbate - è quello di far sì che i ministri competenti, attraverso i loro organi di controllo, verifichino da un lato l'effettiva coerenza delle nuove e stranianti scelte della giunta Vendola e dall'altro si facciano promotori di quel sostegno di cui gli agricoltori, i cittadini e tutta la Regione Puglia hanno bisogno per portare avanti quella valorizzazione del paesaggio che ha condotto alla stesura della prima legge del 2007".

IL COMMENTO DELL'ASSESSORE NICASTRO - "Che ci sia una interrogazione parlamentare che riguarda la nostra normativa sulla tutela degli ulivi secolari - ha commentato l'assessore regionale all'Ambiente Lorenzo Nicastro - è un fatto positivo perché avremo l'occasione di produrre i testi normativi e fornire la nostra interpretazione autentica della norma. Questo permetterà finalmente, a tutti, di avere le idee chiare".  "Definire 'taglia-ulivi' una legge che persegue e produce effetti diametralmente opposti è un grossolano falso storico. Aspettiamo con impazienza - ha concluso l'assessore - di rispondere all'interrogazione e auspichiamo di essere interpellati dei ministeri competenti per aver modo di ristabilire, una volta per tutte, la verità. Un ultimo dato, proprio in questi giorni, alcuni comuni stanno procedendo all'auto censimento delle piante monumentali sui propri territorio e questo permetterà di ampliare i dati in nostro possesso per un sempre più efficace controllo del territorio”.

Intanto questa mattina una delegazione del movimento di protesta, che ha anche promosso una petizione on-line contro la legge, sarà a Roma per incontrare i parlamentari del M5S e una delegazione del governo Letta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legge 'taglia-ulivi', la polemica arriva in Parlamento: interrogazione del M5s

BariToday è in caricamento