"Attenti alla mafia, si insinua tra le famiglie bisognose di denaro": il direttore della Caritas Bari-Bitonto scrive alle parrocchie

Don Vito Piccinonna in una lettera ha riportato anche i dati della Fondazione Antiusura. "C'è stato un notevole aumento di usurai che quasi presidiando i nostri territori si presentano come 'benefattori' di tante famiglie e piccole e medie imprese che fanno fatica ad andare avanti" spiega

Attenzione a "quelle situazioni particolari che potrebbero scivolare in persone e luoghi sbagliati. Da più parti e diversi esperti ci stanno mettendo in guardia dal rischio di infiltrazioni mafiose". L'appello arriva in una lettera indirizzata ai parroci della diocesi di Bari-Bitonto. A scriverlo è il direttore della Caritas attiva nel Barese, don Vito Piccinonna, che a sostegno della sua tesi riporta l'aumento delle azioni di 'strozzinaggio' registrato dalla Fondazione Antiusura. "La mancanza di denaro - scrive - è il vuoto su cui lavora la mafia che punterà a consolidare il suo consenso attraverso forme di assistenzialismo anche con l'elargizione di prestiti. Non a caso la Fondazione Antiusura registra un notevole aumento di usurai che quasi presidiando i nostri territori si presentano come 'benefattori' di tante famiglie e piccole e medie imprese che fanno fatica ad andare avanti. Sarebbe forse il caso - argomenta - di pensare a momenti di sensibilizzazione all'interno delle nostre comunità durante i quali invitare i cittadini a ricorrere a forme di credito lecite e legali in caso di difficoltà economiche".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Don Vito Piccinonna chiede inoltre che "non venga meno l'attenzione caritativa che ci ha visti impegnati nel tempo dell'emergenza e che sicuramente ci chiederà di riposizionarci in maniera nuova anche dal prossimo autunno": "I centri di ascolto sempre più siano non solo luoghi di distribuzione di alimenti ma spazi e luoghi in cui la gente che ne ha bisogno, in maniera dignitosa, possa essere accolta". E invita "a coinvolgere sempre di più i servizi sociali del territorio perché solo un approccio sinergico e coordinato può contribuire a rispondere in maniera efficace ai bisogni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico scontro auto-moto tra Locorotondo e Martina, muore giovane coppia: lasciano un bimbo di dieci mesi

  • Coronavirus, in Puglia obbligo di quarantena per chi rientra da Malta, Grecia e Spagna

  • Coronavirus, salgono i nuovi contagi in Puglia: oggi sono 26, undici in provincia di Bari

  • Sei turisti del Lussemburgo in vacanza a Monopoli positivi al covid: il test prima di partire per la Puglia

  • Venti nuovi casi di covid in Puglia, nove nel Barese: "Cittadini rientrati da Grecia, Malta e Lombardia"

  • Lotta al coronavirus, in Puglia torna obbligo mascherine in luoghi aperti affollati e discoteche

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento