"Tornate nella vostra terra", manifesti contro gli immigrati al Libertà

I volantini, siglati da 'Arditamente', un'associazione appartenente all'area di estrema destra, sono stati affissi in diverse strade del quartiere

Un manifesto in via Nicolai

"Immigrati, tornate nella vostra terra": sono i manifesti shock contro i cittadini stranieri apparsi da un paio di giorni in diverse strade del quartiere Libertà.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sui volantini, affissi in particolare nella zona tra via Nicolai e via Crisanzio, in cui è alta la presenza di immigrati, il messaggio è riportato in più lingue, come cinese e arabo. I manifesti sono firmati da "Arditamente", associazione collegata a Casa Pound, movimento politico di estrema destra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento