Falsifica tesserino venatorio, denunciato 'cacciatore': sequestrati sette fucili e centinaia di munizioni

L'uomo, residente a Terlizzi, è stato pizzicato dai Carabinieri Forestali: nel corso dei controlli a suo carico requisita anche documentazione assieme a capi di fauna rinvenuti in un frigorifero

Avrebbe falsificato una licenza di armi ad uso sportivo per poi utilizzarla a fini venatori: i Carabinieri forestali: un bracconiere di Terlizzi è stato così denunciato dai Carabinieri Forestali che hanno sequestrato, nella sua abitazione, 7 fucili e oltre 600 munizioni assieme a documentazione e capi di fauna rinvenuti all'interno di un frigorifero.

Tutto è cominciato dopo alcuni controlli che hanno consentito di scoprire due licenze, una ad uso sportivo e l’altra ad uso caccia, differenti tra loro per un solo numero identificativo. Quella venatoria era falsa ed era stata presentata agli enti competenti, Comune e Regione, in maniera "fraudolentemente alterata". Il bracconiere, secondo i Carabinieri Forestali, avrebbe esercitato l'attività venatoria anche negli anni precedenti. Dal riscontro del tesserino a lui intestato è stato riscontrato riscontrato che per la sol aannata 2017/2018 le giornate di caccia a suo carico sono state oltre 50 con ben 350 capi abbattuti. L'uomo dovrà rispondere di falsificazione di documenti, falso materiale, esercizio venatorio non consentito e conseguente furto venatorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

  • Calano le occupazioni delle terapie intensive covid in Puglia: migliora anche il trend dei contagi sui tamponi eseguiti

  • Spostamenti ingiustificati fuori Comune, cibi e bevande consumati nei pressi di bar e locali: controlli anticovid e multe nel Barese 

Torna su
BariToday è in caricamento