menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Liquami scaricati sui binari, convogli Trenitalia restano sotto sequestro

Provvedimento confermato, con facoltà d'uso, dal Tribunale del Riesame. Secondo le indagini, i treni violerebbero la norma del Codice dell'Ambiente sullo smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi

Sequestro confermato, con facoltà d'uso, per gli otto convogli Trenitalia cui sono stati apposti i sigilli lo scorso 12 novembre, nell'ambito di un'indagine della Procura di Bari.

La decisione è stata presa dal Tribunale del Riesame, che ha rigettato il ricorso di Trenitalia che aveva impugnato quanto disposto dal gip, che aveva confermato il sequestro concedendo la facoltà d'uso degli otto treni in questione, limitandone però la circolazione alle tratte di breve percorrenza e con i bagni chiusi.

L'indagine dei Carabinieri del Noe, coordinata dal pm Baldo Pisani, riguarda i treni modello 'Vivalto' e 'Minuetto', che violerebbero la norma del Codice dell'Ambiente relativa allo smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi, in quanto dotati di sistemi che scaricano i reflui direttamente sulla linea ferroviaria una volta superata la velocità dei 40 km orari.

Trenitalia, in attesa di conoscere le motivazioni della sentenza, ha preso atto della decisione del Riesame ribadendo che "i treni sono conformi alla normativa europea".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento