Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Rifiuti speciali "pericolosi" tombati nel sottosuolo, inchiesta della Procura: due persone denunciate

Le indagini, durate un anno e mezzo e ad avviate in collaborazione con la Guardia Costiera di Bari, riguardano un possibile deterioramento del sottosuolo

Due persone risultano indagate dalla Procura di Bari per inquinamento ambientale e omessa bonifica, nell'ambito di un'inchiesta che riguarda un'area nell'agro di Locorotondo, in provincia di Bari, dove sarebbero stati tombati rifiuti speciali e pericolosi derivanti da lavorazioni industriali. 

Le indagini, durate un anno e mezzo e ad avviate in collaborazione con la Guardia Costiera di Bari, riguardano un possibile deterioramento del sottosuolo. Secondo gli inquirenti, il proprietario del terreno in cui sono stati rinvenuti i rifiuti tombati, non avrebbe provveduto alla bonifica, alla bonifica, al ripristino, al recupero e alla messa in sicurezza del sito inquinato. 

Il provvedimento emesso dall’Autorità Giudiziaria è stato notificato anche al Ministero dell’Ambiente ed al Comune di Locorotondo in qualità di  “parti offese”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti speciali "pericolosi" tombati nel sottosuolo, inchiesta della Procura: due persone denunciate

BariToday è in caricamento