Lutto nel mondo della scienza, Bari perde il professor Lorenzo Bonomo: aveva 96 anni

Luminare di fama mondiale per l'Immunologia Clinica, le Malattie reumatiche e l'Immunoterapia. Decaro: "Lo ricorderemo per sempre"

ll professor Bonomo con la moglie Marilena

Bari perde un illustre esponente della scienza: è morto a 96 anni il professor Lorenzo Bonomo, luminare di fama mondiale per l'Immunologia Clinica, le Malattie reumatiche e l'Immunoterapia, autore di numerose pubblicazioni scientifiche e di una lunga carriera accademica.

Nipote omonimo del generale medico Lorenzo, figlio del grande chirurgo e filantropo Vincenzo, Bonomo ereditò in famiglia la passione per la medicina e la ricerca, si laureò nell’Università di Bari, dove fuallievo di Virgilio Chini cui succedette nel 1967 alla direzione dell’Istituto di Clinica Medica, incarico che mantenne fino al 1981 quando passò a dirigere (fino al 1996) la Clinica Medica dell’Università La Sapienza di Roma. Con la sua attività scientifica dette un grande impulso di modernità alla scuola medica barese, anche grazie a importanti esperienze a Londra e a Dallas, aprendola ad attività di ricerca in reumatologia e sulle malattie  immunologiche che allora cominciavano ad essere conosciute, in particolare con studi pionieristici sugli anticorpi monoclonali , favorendo l’evoluzione della Medicina Interna classica nelle varie branche specialistiche (immunoallergologia , geriatria, ematologia, nefrologia) pur conservando intatta la visione umanocentrica della medicina.  Autore di centinaia di pubblicazioni sulle più prestigiose riviste scientifiche nazionali e internazionali, ha pubblicato volumi in Immunologia Clinica, Malattie reumatiche e Immunoterapia adottati in numerosi atenei. Fu ideatore nel 1977, insieme a Biagio Agnes, della trasmissione televisiva Check up su Rai 1, il primo pionieristico programma divulgativo di medicina in televisione, del cui comitato scientifico fece parte fino al 1991.

A lungo componente del Consiglio di amministrazione dell’Università di Bari, fu eletto nei comitati di Biologia e Medicina del CNR e nelle commissioni ministeriali per la ricerca. Fu Presidente della Società Italiana di Immunologia e membro della Royal Society of Medicine e dell’American Society of Rheumatology. Tra i tanti riconoscimenti e premi fu insignito di Medaglia d’oro del Presidente della Repubblica ai benemeriti per la scienza e la cultura già nel 1979 e poi nuovamente nel 2000. Nel 2001 fu Incaricato da Papa Giovanni Paolo II come Presidente della Consulta Medica della SantaCongregazione delle Cause dei Santi, partecipando, tra le altre,  alle cause per la beatificazione di Madre Teresa di Calcutta e di Padre Pio. Nel solco della tradizione filantropica della famiglia fu presidente della Fondazione Bonomo; fin da giovane interessato all’arte trasmise questa sua passione alla moglie Marilena (scomparsa alcuni anni fa) che nel ‘71 apri la sua galleria a Bari e alle figlie Alessandra, Magda e Valentina. I funerali si svolgeranno domani in forma privata.

Il lutto della città, Decaro: "Ha lasciato un segno profondo nella nostra comunità"

Il sindaco di Bari, Antonio Decaro, ha espresso il cordoglio della città per la morte del professor Bonomo: "La città di Bari piange la sua scomparsa. Il mondo accademico perde oggi una delle personalità più dinamiche e attive nel campo della didattica e, soprattutto, della ricerca scientifica. Ci sono uomini che lasciano un segno profondo nella comunità per la quale hanno lavorato, e il professor Bonomo è senz’altro uno quegli uomini".

"Bari. aggiunge Decaro - lo ricorderà sempre per le sue straordinarie doti umane, per la passione per la ricerca e per la sua  instancabile volontà di trasmettere, attraverso l'insegnamento,  conoscenze e competenze. Gli anni durante i quali Lorenzo Bonomo ha svolto il suo ruolo di clinico e di ricercatore nell’Ateneo barese sono stati segnati da uno straordinario sviluppo conoscitivo, alimentato dal suo instancabile impulso.   "Bari - conclude il sindaco - lo ricorderà anche per la sua fine sensibilità culturale e per la passione che coltivò, insieme a sua moglie Marilena, per l’arte contemporanea.  Alle sue figlie Sandra, Magda e Valentina le mie più sentite condoglianze" conclude il sindaco. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento