Lotta all'abbandono dei rifiuti, nuove fototrappole per dieci Comuni del Barese

I cinquanta dispositivi, acquistati dalla Città metropolitana, sono stati consegnati ai sindaci di Acquaviva, Adelfia, Altamura, Bitritto, Locorotondo, Mola di Bari, Molfetta, Polignano, Triggiano e Turi

La Città metropolitana al fianco dei Comuni nella lotta all'abbandono selvaggio dei rifiuti. Cinquanta telecamere, acquistate dall'ente per un importo di 40mila euro, sono state consegnate questa mattina ai sindaci Acquaviva, Adelfia, Altamura, Bitritto, Locorotondo, Mola di Bari, Molfetta, Polignano, Triggiano e Turi. 

Si tratta di telecamere ad alta tecnologia che si attivano con i sensori del movimento e predisposte per la ripresa notturna. Ripartite sul territorio sulla base della densità demografica, saranno gestite in autonomia dai Comuni e dalle singole polizie locali che valuteranno il posizionamento e l'ammontare delle sanzioni a seconda della violazione commessa.

Contemporaneamente, il servizio di Polizia Metropolitana, guidato dal comandante, Maria Centrone, ha indetto una gara per l'acquisto di ulteriori quindici fototrappole che saranno posizionate sulle strade provinciali di collegamento tra un Comune e l'altro. In questo caso, a fronte di abbandono illecito di rifiuti, la Polizia metropolitana sarà titolata ad elevare sanzioni, secondo la violazione del Testo Unico Ambiente, che vanno da 300 a 3.000 euro in base alla tipologia di rifiuti sversati. “Quest'anno per la prima volta Legambiente ha istituito un premio appositamente dedicato alla lotta per il contrasto all'abbandono selvaggio dei rifiuti riconoscendo una nuova attenzione che i Comuni stanno mostrando nei confronti del proprio territorio – spiega il sindaco metropolitano Antonio Decaro -. Quella del contrasto ai rifiuti per strada è una battaglia complessa che non deve lasciare zone franche sul territorio e che deve vedere la collaborazioni di tutti, Comuni, polizie locali, associazioni e cittadini. La città di Bari in questi anni ha calcolato quantità di rifiuti derivanti dai Comuni limitrofi pari al totale dei rifiuti raccolti da un comune di medie dimensioni. In tanti casi, inoltre, si tratta di rifiuti abbandonati fuori dai cassonetti, per via della paura delle sanzioni. Questo comportamento incivile non è solo un danno alle tasche degli altri cittadini che invece rispettano le regole, ma è un vero e proprio atto criminale contro la bellezza del nostro territorio. Creare appositamente lungo le provinciali della nostra area metropolitana, che sono spesso cornici di paesaggi meravigliosi, aree di degrado, significa colpire l'ambiente, ma anche lo sviluppo economico e turistici della nostra terra. Per questo sono molto contento che anche i Comuni dell'area metropolitana abbiano scelto di aderire a questa azione, perché se il controllo sarà omogeneo su tutto il territorio gli incivili sapranno che non esistono zone dove sarà possibile abbandonare i rifiuti per strada e farla franca”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • La Puglia 'promossa' da zona arancione a zona gialla (nonostante l'Iss contrario): c'è l'ordinanza del ministro Speranza

  • Nuovo Dpcm: verso lo stop a spostamenti dai Comuni per Natale e Capodanno, dal 21 viaggi tra regioni solo per rientro nella propria residenza

  • Il Dpcm di Conte: la Puglia è arancione (gialla sotto Natale). Si torna a scuola il 7 gennaio. "No non conviventi in casa"

  • L'indice Rt scende sotto l'1 in Puglia e Lopalco risponde ai medici: "Non siamo regione da zona rossa"

  • Stop agli spostamenti tra regioni dal 21 dicembre, comuni 'chiusi' a Natale e Capodanno: il governo approva il decreto

Torna su
BariToday è in caricamento