menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I lampioni-icona della città anche sul Lungomare Starita: "Sarà pronto per aprile"

Procedono i lavori per ristrutturare il tratto compreso tra San Cataldo e il Lido San Francesco: nelle prossime settimane saranno collocati 30 candelabri in ghisa

Proseguono i lavori per l'installazione di 30 lampioni ornamentali sul lungomare Starita, tra San Cataldo, la Fiera del Levante e il lido San Francesco. Gli operai, infatti, hanno realizzato molti dei basamenti in pietra sul lato mare. Gli interventi dureranno altre due settimane, dopodiché verranno posizionati i classici ed iconici candelabri in ghisa, simbolo della città. Il cantiere dovrebbe terminare per aprile: “Questo tratto di lungomare, uno tra i più belli della città, vista la cornice di sfondo dell’ingresso monumentale della Fiera del Levante - ha spiegato l'assessore comunale ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso, al termine del sopralluogo di questa mattina - sarà finalmente arricchito dalla suggestione dei famosi candelabri ornamentali che sono un tratto identitario dell’immagine di Bari".

"In questo modo creiamo un percorso unico da Pane e Pomodoro alla Fiera - aggiunge - per valorizzare due degli elementi più importanti per i cittadini: la nostra costa e il mare. Con la nuova illuminazione favoriremo l’organizzazione di eventi in quel tratto di strada e garantiremo una maggiore sicurezza ai cittadini che trascorrono lì le loro serate estive. Consapevoli dell’importanza che può avere una migliore illuminazione sulla vivibilità di una strada o di una zona della città, stiamo conducendo uno studio approfondito con gli uffici competenti per elaborare un progetto che “illumini a giorno” tutto il quartiere Libertà”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento