Spiaggette di sabbia sul waterfront di San Girolamo: "Troppi inadempimenti, lavori ad un'altra ditta"

Il Comune ha avviato le procedure per la risoluzione del contratto con l'azienda che avrebbe dovuto dragare il porto di Torre a Mare fornendo così il materiale necessario per una parte del ripascimento del lungomare IX Maggio

Il ripascimento delle spiaggette di sabbia del lungomare di San Girolamo sarà fatto ma, con ogni probabilità, non con la stessa ditta prevista inizialmente: il Comune di Bari ha infatti avviato le procedure per la risoluzione contrattuale con la ditta che avrebbe dovuto procedere al dragaggio del porto di Torre a Mare la cui sabbia, ripulita, sarebbe stata collocata proprio sul nuovo waterfront. Ciò vorrà dire che ad eseguire quei lavori sarà un'altra azienda e di conseguenza bisognerà anche capire se confermare le stesse modalità di prelevamento e riutilizzo del materiale: "Riteniamo - spiega l'assessore cittadino ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso - che vi siano stati inadempimenti da parte della ditta vincitrice e quindi gli uffici hanno avviato la procedura. La gran parte delle lavorazioni non ancora eseguite potrebbero essere oggetto di una nuova gara d'appalto oppure di un affidamento al secondo classificato. Abbiamo atteso fino a quando abbiamo potuto". A

Il resto delle lavorazioni: "Avanti con i lavori a terra"

Al momento, dunque, resta la massicciata di pietre che serve per strutturare la spiaggia, decisamente pericolosa per bambini e anziani, come segnalato più volte dai residenti. Incerta la modalità di ripascimento: tra le ipotesi vi è, se non sarà possibile l'utilizzo del materiale da Torre a Mare, quello di acquistare sabbia da una cava marina, soluzione abbastanza costosa soprattutto per il trasporto: "Il fatto di aver creato uno scossone - aggiunge Galasso - potrebbe essere positivo per risolvere un problema che dura da anni". Nel frattempo si procede con il resto delle lavorazioni: nei prossimi giorni sarà riempita l'area tra il complesso Equatore e l'edificio della piazza sul mare e si procederà alla rimozione del pennello che ha consentito la realizzazione dei frangiflutti marini. Entro luglio potrebbe essere inaugurata una parte consistente del nuovo lungomare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro nel ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

Torna su
BariToday è in caricamento