menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Malore a bordo del peschereccio, marittimo salvato dalla Guardia Costiera

L'intervento di una motovedetta della Capitaneria di porto, con il supporto di un elicottero dei Vigili del fuoco, ha permesso di soccorrere in tempo l'uomo, a bordo di un peschereccio di Monopoli, trasportato all'ospedale San Paolo per un sospetto attacco cardiaco

Colpito da un malore mentre era a lavoro a bordo di un peschereccio, soccorso e trasportato in ospedale grazie all'SOS lanciato alla Sala operativa della Capitaneria di porto di Bari.

 

E' accaduto questa mattina. La richiesta di aiuto, attraverso il numero di emergenza 1530, è partita da un peschereccio, appartenente alla marineria di Monopoli, per lo sbarco immediato di un marittimo dell’equipaggio, un 60enne, colto da malore e con sospetto d’infarto per i forti dolori al petto. 

Subito si è attivato il coordinamento delle unità di soccorso, con l’invio in zona della motovedetta CP309 e di un elicottero del reparto volo dei Vigili del Fuoco di Bari, resosi immediatamente disponibile. Contemporaneamente è stato allertato anche il C.I.R.M. (Centro Internazionale Radio Marittimo), che ha contattato il motopesca per comprendere la gravità del caso e fornire le istruzioni per una prima assistenza medica.

Poco dopo sono giunti in zona sia la motovedetta che l’elicottero per effettuare il trasbordo del marittimo e riportarlo a terra nel porto di Bari.

Escluso per motivi di sicurezza l’utilizzo del verricello dell’elicottero, che comunque è rimasto in assistenza sul posto, alcuni membri dell’equipaggio della motovedetta della Guardia Costiera di Bari sono saliti a bordo del peschereccio per prestare un primo soccorso al malcapitato e successivamente trasbordarlo sulla stessa motovedetta CP309, la quale, dopo una breve navigazione, è giunta nel porto di Bari, dove un’ambulanza medicalizzata del 118, dopo aver stabilizzato il paziente, lo ha trasportato d’urgenza in codice rosso presso l’ospedale San Paolo, per una sospetta sindrome coronarica acuta.

Il tempestivo intervento dei mezzi di soccorso, coordinati dalla Sala operativa della Capitaneria di Bari, ha quindi consentito al marittimo di essere salvato e affidato in tempo alle cure del caso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento