Ondata di maltempo a febbraio, negli uliveti continua la conta dei danni. Coldiretti: "Gemme bruciate dal gelo"

L'associazione degli agricoltori chiede l'intervento del Ministero per sostenere i coltivatori che ancora subiscono gli effetti di 'Burian': "Un danno che aumenta di giorno in giorno"

Mentre la primavera entra nel vivo portando sole e giornate miti, nelle campagne ancora si contano i danni legati all'eccezionale ondata di maltempo di fine febbraio. A fare le spese, 'a lungo termine', del gelo portato da 'Burian', in particolare gli uliveti. 

A dare voce alle segnalazioni degli olivicoltori è la Coldiretti Bari e BAT.  "Sta aumentando esponenzialmente la stima del danno sugli ulivi – denuncia il delegato confederale di Coldiretti Bari, Angelo Corsetti – che mostrano chiari segnali di spaccatura della corteccia, disseccamento delle piante allo stadio giovanile, gemme bruciate dal gelo, caduta copiosa delle foglie, con epicentro tra Corato e Andria". L'associazione sollecita interventi a sostegno degli agricoltori che stanno fronteggiando questa situazione. "Abbiamo fatto una segnalazione formale a Prefettura, Assessorato regionale all’Agricoltura, Ufficio provinciale dell’Agricoltura di Bari, alle aree metropolitane di Bari e BAT per le verifiche e l’accertamento del danno da parte degli uffici su tutte le colture - prosegue Corsetti - In provincia di Bari si conta una superficie di 100mila ettari di uliveto e una produzione di 3 milioni di quintali di olive e nella provincia di Barletta-Andria-Trani gli ettari olivetati sono ben 32.050 e la produzione di olive da olio è in media pari a 1,2 milioni di quintali di olive, un patrimonio che rischia di essere stato compromesso dal maltempo del mese scorso. E’ stato potenziato il servizio di assistenza tecnica alle aziende per la difesa delle colture dalle avversità meteoriche e per il supporto alle scelte operative aziendali".

Un impegno straordinario – fa sapere ancora Coldiretti Bari e BAT – è stato chiesto dall’Unaprol che si è attivata scrivendo al Ministero delle politiche agricole per chiedere un intervento a sostegno delle imprese olivicole di tutte le aree, anche attraverso il rifinanziamento del piano olivicolo.

Il delegato confederale delle articolazioni territoriali, Vito Amendolara, pone l'accento sui "disastrosi effetti sui campi della tropicalizzazione del clima, che azzera in pochi attimi gli sforzi degli agricoltori che perdono produzione e al contempo subiscono l’aumento dei costi a causa delle necessarie risemine, ulteriori lavorazioni, acquisto di piantine e sementi e utilizzo aggiuntivo di macchinari e carburante. Gli imprenditori si trovano ad affrontare fenomeni controversi, dove in poche ore si alternano eccezionali ondate di maltempo a caldo fuori stagione. In questo contesto è fondamentale riconoscere agli imprenditori agricoli un ruolo incisivo nella gestione del territorio, dell’ambiente e delle aree rurali".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

  • Calano le occupazioni delle terapie intensive covid in Puglia: migliora anche il trend dei contagi sui tamponi eseguiti

  • Spostamenti ingiustificati fuori Comune, cibi e bevande consumati nei pressi di bar e locali: controlli anticovid e multe nel Barese 

Torna su
BariToday è in caricamento