menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Grandine e temporali nel Barese, Decaro: "Chiediamo lo stato di calamità"

La richiesta del sindaco metropolitano al Ministero: "Danni pesantissimi alla produzione di ciliegie, prossime alla raccolta. Serve indennizzo per agricoltori"

Le grandinate e le piogge torrenziali di ieri hanno "assestato il colpo di grazia" al comparto della coltivazione di ciliegie determinando "ingenti danni anche ad altre colture agricole e strutture aziendali". Ad affermarlo è la Cia Puglia, commentando le pesanti conseguenze dell'ondata di maltempo degli ultimi giorni: "Distrutte dalla grandine - afferma in una nota  la Confederazione che riunisce gli agricoltori - le coltivazioni di ciliegie nella zona di Turi, Castellana Grotte, Putignano, Conversano, Corato, Ruvo di Puglia, Molfetta, Bisceglie".

Il sindaco della città metropolitana di Bari, Antonio Decaro, ha chiesto lo stato di calamità: "Le violente grandinate di ieri che hanno colpito in maniera diffusa i territori del sud est barese hanno danneggiato pesantemente le colture cerasicole di centinaia di agricoltori. L'episodio è ancor più grave perché ha falcidiato una stagione già avviata, che si annunciava promettente. Insieme ai sindaci dell'area metropolitana di Bari ho chiesto all'assessore regionale all'agricoltura Leo Di Gioia di attivare tutte le procedure per richiedere al Ministero lo stato di calamità e per assicurare un indennizzo agli agricoltori che hanno visto danneggiati gran parte dei loro frutti”. 

Il danno stimato al comparto cerasicolo in queste zone "è compreso tra il 70% (nella zona di Corato, Molfetta, Ruvo) fino al 100% (nelle restanti zone). I chicchi di grandine - prosegue la nota - hanno provocato lesioni ai rami e ai tronchi dei ciliegi, compromettendo così anche le produzioni degli anni futuri. Danni sono stati provocati dalla grandine e dalla pioggia torrenziale ad altre coltivazioni agricole nella zona di Rutigliano, Casamassima, Andria, San Ferdinando di Puglia e Trinitapoli". Situazione difficile anche per gli uliveti e i vigneti con i primi tralci "lesionati o addirittura spezzati dalla violenta grandinata, facendo presumere una compromissione anche della pregiata uva da tavola della provincia di Bari". Danni anche alla produzione di foraggio, prossima all'imballaggio. I temporali, inoltre, hanno determinato la morte di 7 bovini in un allevamento zootecnico di Putignano, colpito da un fulmine. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento