Cornicioni pericolanti e rami spezzati, lungomare invaso da pietre e detriti: si lavora per riaprire strade e cimiteri

Proseguono le verifiche e i controlli per mettere in sicurezza le aree danneggiate dalla mareggiata di ieri che ha causato numerosi problemi sul lungomare di Bari, in particolare a Fesca e sulla Strada detta della Marina a San Giorgio

Proseguono, a Bari, le verifiche e i controlli per mettere in sicurezza le aree danneggiate dalla mareggiata di ieri che ha causato numerosi problemi sul lungomare di Bari, in particolare a Fesca e sulla Strada detta della Marina a San Giorgio.

In entrambe le circostanze, le onde hanno portato sulla carreggiata detriti e pietre, rendendo difficoltosa la circolazione delle auto, interdetta dalla Polizia Locale. Stamane il traffico è stato riaperto sul lungomare Starita.

Una ventina gli interventi, in queste ore, da parte dei Vigili del Fuoco per cornicioni pericolanti e rami caduti. Situazione in via di miglioramento anche per i cimiteri cittadini: "Stiamo riaprendo i cancelli - ha spiegato il sindaco Antonio Decaro - man mano che terminano i sopralluoghi dell'Ufficio Giardini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il van di Borghese sbarca a Bari: lo chef premia il miglior ristorante di crudo di mare

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Puglia in zona gialla per un soffio, c'è l'ordinanza: riaprono fino alle 18 bar e ristoranti

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Un'altra stretta con il nuovo decreto anti Covid: Puglia verso la zona arancione?

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

Torna su
BariToday è in caricamento