Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Presunti maltrattamenti su bimbi autistici, cambia il reato contestato alle educatrici: "Abuso di mezzi di correzione"

La decisione del Tribunale del Riesame relativa a due delle tre operatrici dell'istituto Sant'Agostino di Noicattaro rimesse ieri in libertà

Non sarebbero stati maltrattamenti ma condotte caratterizzate da "abuso aggravato di mezzi di correzione", quelle messe in atto da due delle tre educatrici del Sant'Agostino di Noicattaro rimesse in libertà ieri dal Tribunale del Riesame.

Per Rosa Stolfa e Letizia Lopedote, i giudici - come si legge nel provvedimento del Tribunale del Riesame che ha accolto i ricorsi dei difensori sulle misure cautelari - hanno dunque riqualificato il reato contestato. Una terza educatrice, Rosalba Lovicario, è stata scarcerata ma per lei è stata disposta l'interdizione di un anno per i presunti maltrattamenti. 

Nel corso delle indagini coordinate dal pm Michele Ruggiero, condotte nell'autunno 2018 e durate poco più di un mese, gli episodi documentati sono stati circa cento, nei confronti di nove bambini e adolescenti tra i 7 e i 15 anni frequentanti l’istituto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presunti maltrattamenti su bimbi autistici, cambia il reato contestato alle educatrici: "Abuso di mezzi di correzione"

BariToday è in caricamento