menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Strade provinciali dissestate, dalla Regione 17 milioni per gli interventi di ripristino

La novità presentata questa mattina dall'assessore alla Mobilità Giannini. Si tratta di una parte dei fondi stanziati nel 2007 e nel 2010 per i progetti "Strada facendo"

Una 'boccata d'ossigeno' per la manutenzione stradale di tutte le vie provinciali, comprese quelle dell'area metropolitana di Bari. Un provvedimento possibile grazie ai 17 milioni di euro che la Regione Puglia avrà a disposizione per l'avvio di nuovi cantieri, come confermato dalla delibera di Giunta regionale approvata recentemente e presentata oggi dall'assessore ai Trasporti e Mobilità, Giovanni Giannini e dal dirigente della sezione Lavori Pubblici Antonio Pulli.

Non si tratta di nuovi fondi, ma del denaro rimasto inutilizzato dei finanziamenti dei progetti "Strada facendo", che hanno portato nelle casse regionali 94 milioni di euro nell'aprile del 2007 e 100 milioni di euro nel settembre del 2010. Di questi però circa 20 milioni non erano stati spesi e potevano essere impiegati per la realizzazione di nuove arterie provinciali, svincoli o rotatorie.

"Visto che era passato un notevole tempo - ha spiegato Giannini -, abbiamo lasciato alle Province e alla Città metropolitana circa 3 milioni di euro per progettazioni di nuove opere da realizzare con altre fonti di finanziamento e abbiamo destinato i restanti 17 milioni per la manutenzione ordinaria e straordinaria, purchè nell’ambito delle infrastrutture esistenti”. Dal fondo per gli interventi si potrà quindi attingere solo in caso di urgenze e per la ristrutturazione di strade già esistenti e con progetti esecutivi redatti e approvati. I progetti di riqualificazione potranno essere presentati dagli enti interessati entro quattro mesi dalla pubblicazione della delibera sul Bollettino regionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento