Cronaca

I marò restano in Italia: "Finalmente siamo felici, torneremo al nostro reparto"

La decisione del Ministero degli Esteri accolta con grande gioia dai due fucilieri pugliesi e dalle loro famiglie. Latorre: "Masi avuto dubbi sull'impegno dello Stato italiano"

Una notizia accolta prima con stupore, poi, com'era inevitabile, con una grandissima gioia. Ieri in casa dei due marò pugliesi Salvatore Girone e Massimiliano Latorre è stato un giorno di festa per la decisione del Ministero degli Esteri di non lasciar ripartire per l'India i due militari.

Gli stessi familiari, a pochi minuti dall'annuncio uffciale della Farnesina, apprendono la notizia dai cronisti. "E' una bellissima notizia", dice Franca Latorre, sorella del marò Massimiliano. "Posso solo dire - aggiunge - che mi sento di ringraziare tutta l'Italia e le istituzioni italiane per questo che è senz'altro un bellissimo evento".

Subito dopo l'esultanza, il pensiero dei militari va al loro dovere. "Torneremo al nostro reparto - dice all'ANSA Latorre - noi siamo fucilieri di Marina e vogliamo fare solo il nostro lavoro". Un ringraziamento speciale è rivolto poi alle istituzioni, ma anche ai tanti italiani che non hanno mancato di far sentire il loro calore: "Non abbiamo mai avuto dubbi - precisa Latorre - anzi abbiamo avuto sempre prova di grande impegno da parte dello Stato italiano. Per questo ringrazio il presidente della Repubblica, tutte le istituzioni, il governo, e tutto il popolo italiano che ci ha sempre sostenuto con tantissime cartoline grazie alle quali non ci siamo mai sentiti soli". Un affetto che ha attraversato anche la 'rete', con migliaia di sostenitori che ogni giorno, per un anno intero, hanno invocato sul web il ritorno a casa dei due 'leoni'. "Sono stati davvero numerosi gli amici che non ci hanno mai fatto mancare il loro sostegno attraverso i social network: grazie anche a tutti loro". Ma Latorre ci tiene a precisare che non ce l'avrebbero fatta, lui e Girone, "senza i nostri familiari, ai quali va il ringraziamento più grande: loro hanno avuto una grande forza nell'affrontare tutta questa vicenda, e soprattutto hanno dato a noi la forza e il coraggio per andare avanti". Un lavoro "di squadra", dunque, alla fine del quale la serenità sembra di nuovo a portata di mano. "Adesso - conclude Massimiliano - siamo finalmente felici".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I marò restano in Italia: "Finalmente siamo felici, torneremo al nostro reparto"

BariToday è in caricamento