Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca Murat / Via Vito Fornari

Mazzini-Santa Croce, ancora nessun accordo

Fallito il tentativo di mediazione curato dall'assessore al Patrimonio Floriana Gallucci

Nulla da fare. Mediazione fallita. L’incontro tenuto dall’assessore comunale al Patrimonio, Floriana Gallucci, non ha sortito gli effetti sperati. La parrocchia Santa Croce e i genitori della scuola Mazzini  non hanno trovato alcun punto di contatto per cercare di sbrogliare l’intricata matassa.  Alcuni giorni fa, i tecnici del  Comune hanno riconsegnato al parroco, mons. Alberto D’Urso, le chiavi dei locali  in forza di una convenzione che scadrà solo il 31 dicembre 2015. La stessa convenzione che il consiglio comunale, all’incirca un anno fa, decise di rinnovare fino al 2019, salvo poi revocarla a seguito della protesta inscenata dai genitori degli alunni della Mazzini e dal presidente dell’istituto Mara Dentamaro che, da tempo, chiedono di affidare quelle strutture alle attività didattiche della scuola.

A tenere banco è stata la promiscuità degli ingressi: l'istituto scolastico e la chiesa condividono l’accesso al cortile esterno della scuola, in via Fornari. In quei locali, la parrocchia svolge attività caritative, ma i genitori temono che ciò possa rappresentare un fattore d’insicurezza per i loro figli. L’assessore sembra abbia proposto un sistema di turnazione per l’ingresso nel cortile, ma il compromesso non è andato a buon fine. L’iter di revoca della delibera non è stato ancora completato e ciò ha fatto andare su tutte le furie i genitori della scuola. La trattativa proseguirà, anche se non si intravede all’orizzonte una conclusione pacifica della questione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mazzini-Santa Croce, ancora nessun accordo

BariToday è in caricamento