Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca Bari Vecchia / Strada Dietro San Vito

Mensa dei poveri, a Santa Chiara inaugurata la sala che ospiterà 150 persone al giorno

Pronta la nuova struttura di accoglienza della Caritas. Cacucci: "Sia espressione di vicinanza e amore nei confronti dei fratelli più bisognosi"

“La vera carità è quella che riconosce la dignità di ogni uomo e donna, questa mensa deve essere espressione di amore e vicinanza nei confronti dei nostri fratelli più bisognosi”. Con queste parole il vescovo di Bari-Bitonto, Francesco Cacucci, ha inaugurato ieri pomeriggio la nuova mensa Caritas allestita nei locali del centro pastorale Santa Chiara. La nuova struttura sostituirà la mensa che da svariati anni è allestita presso i locali contigui alla chiesa di S. Giacomo, vicina alla cattedrale di Bari, che per limiti strutturali non riesce più a soddisfare la crescente domanda di aiuto.

All’interno del nuovo locale si potranno servire 150 pasti caldi al giorno. All’inaugurazione presente anche il parroco della Cattedrale, don Franco Lanzolla, che insieme al presule cittadino ha insistito affinché fosse realizzata quest’opera . “Sono tanti coloro i quali giungono nelle nostre parrocchie per chiederci da mangiare, volevamo un luogo dove ciascuno si sentisse accolto nella sua dignità, dove poter trovare non solo un piatto caldo da consumare, ma anche conforto e sostegno”.

La struttura è grande all’incirca 180 metri quadri, di cui 35 di cucina. All’interno presente anche una doccia. L’obiettivo è anche quello di creare una rete composta da volontari e professionisti capaci di organizzare ogni giorno l’attività di ristorazione e accoglienza dei più poveri. Come spiegato da don Franco Lanzolla, l’utenza di quanti chiedono un aiuto che non riguarda più soltanto migranti o persone con disagi legati al consumo di droga o alcol, ma anche i pensionati o i cosiddetti “nuovi poveri”, persone che a causa delle crisi economica si sono ritrovate senza reddito e che non riescono a soddisfare le loro esigenze primarie.

Tra i finanziatori dell'opera di riqualificazione figurano le comunità ecclesiali dell'arcidiocesi,  la Banca Popolare di Bari, la Fondazione BNL, la Banca di Credito Cooperativo di Bari, il Comune e la Provincia di Bari. All'interno del  refettorio è stata collocato uno mosaico ad intarsio marmoreo raffigurante la cena di Emmaus, dono del Maestro Albano Poli dell’Atelier di Verona.

“Tutti siamo poveri al cospetto di Dio – conclude Cacucci -. Questo centro sia promotore di uno slancio verso la realizzazione una società più giusta”.  La nuova mensa sostenuta da sedici gruppi di volontariato entrerà in funzione a partire da giovedì prossimo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mensa dei poveri, a Santa Chiara inaugurata la sala che ospiterà 150 persone al giorno

BariToday è in caricamento