rotate-mobile
Cronaca Carbonara / Via Vaccarella

Mercatino delle pulci, apertura rinviata. Palone: "Denunceremo chi ha dichiarato il falso"

Avvio rimandato a causa delle irregolarità riscontrate durante i controlli delle domande presentate. L'assessore al Commercio: "Dal Comune verifiche preventive per evitare situazioni di illegalità"

L'apertura del nuovo mercatino delle pulci in via Vaccarella, a Carbonara, slitta di una settimana. Un rinvio causato, ha spiegato l'assessore al commercio Carla Palone, dalle irregolarità riscontrate in fase di verifica delle domande presentate, che hanno impedito al Comune di assegnare entro i tempi previsti gli stalli disponibili.

VERIFICHE E FALSE DICHIARAZIONI - Il problema, in sostanza, nasce dalle false dichiarazioni emerse durante le verifiche delle domande pervenute effettuate dalla commissione Sviluppo economico in collaborazione con il Tribunale di Bari. Controlli voluti dal Comune dopo la decisione di sgomberare il mercatino in zona stadio San Nicola, per evitare, spiega l'assessore Palone, "che si riproponessero situazioni di illegalità come quelle che nei mesi scorsi ci hanno costretti a decretarne la chiusura". Dai controlli, però, è emerso che una parte dei partecipanti al bando - 86 richiedenti su 276 domande pervenute - avevano presentato autocertificazioni non veritiere: in contrasto con quanto espressamente richiesto dal bando, alcuni richiedenti sono risultati gravati da condanne penali o procedimenti penali pendenti, oppure sono titolari di autorizzazioni per l’esercizio del commercio in sede fissa o su aree pubbliche.

'FURBETTI' DENUNCIATI - Per costoro, adesso, scatteranno le denunce. "Come previsto dalla legge - annuncia in una nota l'assessore - denunceremo chi ha dichiarato il falso, danneggiando gli altri partecipanti al bando e facendo un torto all’intera città. La pessima abitudine di fare dichiarazioni mendaci nei bandi pubblici, sperando di farla franca, deve finire una volta per tutte. Autocertificare è una pratica prevista per accelerare le procedure di gara, ma non può e non deve diventare una scorciatoia per i disonesti". Intanto l'avvio del mercatino è stato rinviato: anzichè il 18, si pertità il 25 gennaio. "Mi dispiace - conclude Palone - per tutti gli operatori in regola che dovranno aspettare ancora 10 giorni prima di riprendere la loro attività, ma sono certa che apprezzeranno l’impegno dell’amministrazione comunale a tutela loro e di quanti lavorano onestamente".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercatino delle pulci, apertura rinviata. Palone: "Denunceremo chi ha dichiarato il falso"

BariToday è in caricamento