Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca San Pasquale / Via Nizza

Spostamento del mercato di via Nizza, il M5S: "Da 6 anni è tutto fermo"

A denunciarlo, la consigliera-portavoce al Municipio 2, Alessandra Simone: presentata un'interpellanza al presidente Dammacco e agli assessori Palone, Galasso e Tedesco sul trasferimento, deliberato dalla Giunta Regionale nel 2009, delle bancarelle in una struttura dell'Ex Peroni in via Amendola

"E' tutto fermo" per la 'nuova casa' delle bancarelle di via Nizza, nonostante, dal 2009, si attende lo spostamento nell'area ex Peroni di via Amendola. A denunciare la situazione, il Movimento Cinque Stelle che , con la consigliera-portavoce in Municipio II, Alessandra Simone, ripercorre la vicenda annunciando di aver "presentato un’interpellanza urgente a risposta scritta indirizzata al presidente del Municipio 2, agli assessori Palone, Tedesco e Galasso" per "conoscere quali sono i motivi ostativi al completamento dell’Accordo di Programma tra il Comune e l’Edicos srl" approvato dalla Giunta regionale 6 anni fa.

L'intesa prevedeva la realizzazione di una struttura adibita a mercato per ospitare gli operatori commerciali che ogni giorno animano la storia strada nel cuore del quartiere San Pasquale, anche se molto di meno rispetto agli anni precedenti: "La ditta stessa - afferma Simone in una nota - attende che l’Amministrazione Comunale si esprima sulla volontà di realizzare la struttura, soprattutto adesso che i lavori di bonifica dell’area e la costruzione degli appartamenti risultano conclusi da tempo". Un'eventuale modifica della destinazione d'uso della struttura pubblica dovrebbe necessariamente passare per il Consiglio comunale e la Giunta regionale e di conseguenza avvallare eventuali modifiche che riporterebbero l'iter al punto di partenza: "Il quartiere - dice Simone - i cittadini e il mercato non possono più aspettare inutilmente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spostamento del mercato di via Nizza, il M5S: "Da 6 anni è tutto fermo"

BariToday è in caricamento