menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Il mercato di via Pitagora riparte 'diviso' in tempo di Covid: commercianti di prodotti ittici separati dagli altri

Il piano licenziato dal Comune prevede che i prodotti ittici siano dislocati in via Pitagora, mentre i banchi di frutta e verdura, carni e dolciumi in via Peucetia. L'avvio sarà la prossima settimana

Ripartirà la settimana prossima il mercato giornaliero di via Pitagora, a Bari, con una speciale 'divisione' per garantire la sicurezza di operatori e commercianti. Il via libera è arrivato su proposta dell’assessora allo Sviluppo Economico, Carla Palone, in accordo con gli operatori e le associazioni di categoria. Si partirà dai banchi degli operatori esclusivamente di merci alimentari che saranno dislocati tra via Pitagora e via Peucetia in maniera distanziata in modo da evitare qualsiasi forma di assembramento e allo stesso tempo permettere agli avventori di rispettare le regole sul distanziamento sociale che saranno rigidamente imposte. In totale saranno quindi 67 gli operatori che torneranno a lavorare, nei prossimi giorni, non appena le ripartizioni avranno approntato il piano di riorganizzazione del mercato e della viabilità limitrofa circostanziata alle ore in cui è prevista l’apertura dei banchi.

Tranne cambiamenti, la divisione vedrà i prodotti ittici dislocati in via Pitagora (sempre con il distanziamento tra un operatore e l'altro) mentre i banchi di frutta e verdura, carni e dolciumi occuperanno la carreggiata centrale di via Peucetia, nel tratto che va dalla rotatoria con via Magna Grecia fino all’altezza dell’incrocio con il canalone.

"Stiamo facendo un grande investimento sul senso di responsabilità di tutti, operatori e cittadini – spiega l’assessora Palone -. Riaprire questo mercato, punto di riferimento per il quartiere, ha richiesto un grande sforzo degli uffici e ancora di più della Polizia Locale che sarà impegnata nel controllo del rispetto delle regole. Nessuno di noi avrebbe mai voluto vivere questa situazione e impedire agli operatori di lavorare ma la salute della comunità era e resterà il nostro primo obiettivo. Quindi, dopo un confronto con gli operatori e un lavoro di pianificazione, siamo venuti a capo di questo nuovo modello organizzativo, che impegna più strade del quartiere Japigia, ma che permette ai mercatali di tonare a lavorare e ai cittadini di avere la possibilità di acquistare prodotti a prezzi più competitivi. Mi auguro che tutti vogliano raccogliere questa disponibilità dell’amministrazione comunale, che non era assolutamente scontata e che impegnerà risorse umane ed economiche per la sua gestione. Per questo ci aspettiamo da parte degli operatori, in primis, il massimo rispetto delle regole, dalle distanze, ai dispositivi di protezione, alla pulizia dei luoghi, perché solo se sapremo lavorare tutti insieme e tutti nella stessa direzione la città pian piano potrà ripartire".

(immagine di repertorio)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento