menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La stazione in zona Santa Rita della Bari-Bitritto con la presenza dei tralicci

La stazione in zona Santa Rita della Bari-Bitritto con la presenza dei tralicci

Metro Bari-Bitritto, Colamussi: "I lavori procedono". Ma resta l'intoppo dei tralicci

Il presidente delle Fal: "L'obiettivo rimane la consegna entro dicembre 2015". Intanto però dal Ministero dello Sviluppo economico ancora non arriva il via libera definitivo allo spostamento dei tralicci che sorgono a ridosso del tracciato in zona Santa Rita-stadio San Nicola

Un'opera rimasta abbandonata per oltre vent'anni, un cantiere ripartito a settembre 2013, e una nuova data di consegna da rispettare: 31 dicembre 2015. Tra i cittadini che la metropolitana Bari-Bitritto la attendono dal 1986 (anno in cui fu redatto il primo progetto), in tanti si domandano se questa sarà davvero la volta buona, se quello scheletro di cemento che si snoda nelle campagne tra Bitritto, Loseto, Carbonara e lo stadio San Nicola, finalmente si trasformerà in quell'infrastruttura che aspettano ormai da troppo tempo.

GLI INTERVENTI IN ATTO - "I lavori procedono, e il nostro obiettivo resta quello della consegna entro dicembre 2015", assicura il presidente delle Ferrovie Appulo Lucane, Matteo Colamussi. "Ce la stiamo mettendo tutta per farcela, e ad oggi, rispetto al cronoprogramma non si registrano ritardi". "Siamo effettuando una serie di interventi congiunti - spiega Colamussi - Stiamo scavando il trincerone, nel frattempo si stanno mettendo in sicurezza le stazioni ferroviarie. E' iniziato anche l'impianto dei pali per l'elettrificazione".

GLI INTOPPI NEI LAVORI - Ma se da un lato i lavori, affidati alla Matarrese Spa, sembrano procedere spediti, dall'altro gli intoppi non mancano, in particolare per quanto riguarda la presenza di 'interferenze' sul tracciato della metropolitana. "Abbiamo dovuto affrontare una serie di insidie - dice il numero uno delle Fal - dovute alla presenza di attraversamenti di Telecom, Acquedotto, Amgas". Attraversamenti che non risultavano nei progetti iniziali, perchè in alcuni casi realizzati successivamente, spiega Colamussi. E poi c'era stato il caso, nel frattempo risolto, della stazione di Santa Rita occupata abusivamente dai nomadi. "Il ripristino di un'opera rimasta abbandonata così a lungo non è certo cosa semplice", sottolinea Colamussi. "Però stiamo cercando di creare una sinergia con tutti gli enti, per risolvere i problemi in maniera concreta".

IL PROBLEMA DEI TRALICCI - Al momento, tuttavia, un grosso ostacolo ancora irrisolto c'è. Si tratta della presenza, proprio a ridosso del tracciato, di alcuni tralicci dell'eletrodotto Terna, i cui cavi, nella zona Santa Rita-stadio San Nicola, incrociano la linea ferroviaria. Già ad ottobre 2012, comunicando l'imminente ripresa dei lavori, l'allora assessore regionale ai Trasporti, Guglielmo Minervini, annunciò il raggiungimento di un accordo tra Fal e Ministero dello Sviluppo economico per lo spostamento dei tralicci. Un intervento da circa due milioni di euro, a carico di Ferrovie Appulo Lucane, per il quale la società di trasporti ha già la copertura finanziaria. Quello che ancora non arriva, tuttavia, è il via libera definitivo dal Ministero dello Sviluppo economico. "Quella dell'elettrodotto - ammette Colamussi - è l'ultima insidia che non abbiamo ancora definitivamente superato. Ci sono state diverse riunioni nei mesi scorsi, ed ora aspettiamo l'ok definitivo del Ministero. Proprio in questi giorni, l'amministratore delegato di Terna mi ha assicurato che entro marzo dovremmo risolvere il problema".

LA STORIA DELLA BARI-BITRITTO -  Progettata nel 1986, avviata nel 1998, la Bari-Bitritto è (si spera ancora per poco) una delle grandi "incompiute" della Puglia. Una lunghissima serie di intoppi tecnici, burocratici e giudiziari ne hanno bloccato il cantiere, fino a quando nel 2009, la Regione ha finalmente stanziato i fondi per il suo completamento. Nel 2011 l'aggiudicazione dei lavori, affidati alla Matarrese Spa, e nel settembre 2013 la ripresa dei lavori.

Ora si attende che entro il mese prossimo la situazione eletrodotto si sblocchi definitivamente. Intanto, assicura Colamussi, gli interventi proseguono e la metro Bari-Bitritto 'viaggia' verso l'obiettivo della consegna entro il 2015. I cittadini attendono.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento