Fermata metro Cecilia, Giannini: "Siamo in dirittura d'arrivo". Ma l'area è una discarica a cielo aperto

Pronta da più di sei mesi, per l'apertura dei cancelli bisogna attendere però il parere positivo dell'Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie. I residenti: "Spaventati dai tralicci dell'alta tensione"

 

Siamo in dirittura d'arrivo. Attendiamo solo che Ferrotramviaria ci comunichi il parere positivo sul progetto dell'Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie". È l'assessore regionale alla mobilità Giovanni Giannini a sciogliere i dubbi sui ritardi per l'apertura della fermata metro Cecilia, nel quartiere San Paolo di Bari. L'opera è pronta da almeno sei mesi, ma è proprio un ultimo permesso a bloccare l'apertura dei cancelli. Anche i residenti del quartiere attendono da tempo la messa a regime della fermata, "un servizio che ci era stato promesso già a giugno di due anni fa", racconta uno di loro, che abita in uno dei palazzoni alle spalle della struttura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se l'edificio che occupa la fermata è in condizioni perfette, lo stesso non si può dire dell'area circostante. Come mostrano le immagini girate durante un sopralluogo, in zona crescono rigogliose le erbacce, all'interno di immensi campi dove è stato abbandonato ogni tipo di rifiuto: cartacce, pezzi vetro e bottiglie di plastica, pacchetti di sigarette, persino resti di materiale da costruzione, manufatti in legno e nastri di protezione del cantiere. Abbandonati ovunque nelle aree verdi della piazzetta dove svetta la costruzione,

E l'immondizia non è l'unico fattore a preoccupare i residenti dei palazzi circostanti. "Li sentite i ronzii? - prosegue il residente -. Sembrerebbero provenire dai tralicci dell'alta tensione, che sono lì da almeno 20 anni. Temiamo per la nostra salute, visto che questo rumore a noi sembra anomalo e potrebbe rivelare la presenza di forte inquinamento elettromagnetico nell'area".

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento