Cronaca

"Mi (ri) scatto a colpi di musica": prima esibizione dell'orchestra di fiati e percussioni dei ragazzi del San Paolo

L'orchestra di fiati e percussioni dei ragazzi del San Paolo si esibisce nell'ambito dei festeggiamenti per San Giuseppe sabato 22 marzo, a partire dalle 19.30 chiesa di San Pietro, quartiere San Paolo. Il progetto è a cura della cooperativa sociale "I Bambini di Truffaut"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

La banda musicale dei ragazzi del San Paolo, composta dai partecipanti al progetto "Mi (ri) scatto a colpi di musica", si esibisce per la prima volta in pubblico, sabato 22 marzo, nella chiesa di San Pietro, nell'ambito della festa di San Giuseppe (ore 19.30). Un momento che unisce fede e tradizione e che vedrà i 20 ragazzi dell'orchestra di fiati e percussioni, accompagnare con la loro musica, l'accensione del falò artistico, la benedizione del pane, e la degustazione della legumata.

"Mi (ri)scatto. A colpi di musica", è un progetto a cura della cooperativa sociale "I Bambini di Truffaut", vincitore del bando "Orizzonti solidali", promosso da Fondazione Megamark onlus, in collaborazione con i supermercati A&O, Dok, Famila e Iperfamila e con il patrocinio della Regione Puglia - Assessorato al Welfare".

Dopo circa due mesi dall'inizio delle lezioni della scuola di musica che fa capo al progetto "Mi (ri) scatto a colpi di musica che ha sede nell'istituto comprensivo "Grimaldi - Lombardi", nel quartiere San Paolo, con docenti i maestri Daniela e Roberto Zurlo, i ragazzi (che hanno tra i 12 e i 16 anni) potranno quindi già dare prova delle abilità acquisite, nel loro percorso che arriverà sino a giugno, ma che i promotori auspicano possa continuare anche per i prossimi anni.


"Quella di sabato sarà l'occasione non per dire, ma fare vedere, e soprattutto fare ascoltare l'orchestra di percussioni e fiati San Paolo - dice il presidente della cooperativa sociale "I Bambini di Truffaut", Giancarlo Visitilli -. Venti ragazzi che intravedono la
possibilità, attraverso la musica, di affermare che al San Paolo c'è altro, oltre la violenza, le rapine e le cattive notizie. Sono adolescenti che fanno della musica il modo ed il mezzo per dire a se stessi e agli altri che la vita,
la musica, questo quartiere possono suonare altro".

La stessa soddisfazione trapela dalle parole dei maestri Daniela e Roberto Zurlo. "Per noi è entusiasmante, poter insegnare, far leggere, e far suonare la
musica a ragazzini che non avrebbero altra possibilità per avvicinarsi ad essa.
Per noi è esperienza di crescita e di grande confronto con il mondo del
sociale: un mondo dove si vive a contatto con le emozioni forti."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mi (ri) scatto a colpi di musica": prima esibizione dell'orchestra di fiati e percussioni dei ragazzi del San Paolo

BariToday è in caricamento