menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sorpresi a posizionare sassi sui binari, giovanissimi bloccati dai carabinieri: denunciati i genitori

In quattro - una 15enne e altri tre minori tra i 12 e i 13 anni, bloccati dai militari. I genitori sono stati denunciati per "abbandono di minori o persone incapaci"

Sorpresi di sera, intorno alle 21, a posizionare sassi sui binari, nella stazione ferroviaria di Modugno. Un gesto pericolosissimo, quello che quattro giovanissimi - una 15enne, due 12enni e un 13enne (questi ultimi non imputabili vista l'età) - stavano compiendo quando i carabinieri del Nucleo radiomobile di Modugno sono intervenuti sul posto. Ad avvertire i militari, al comando del capitano Corrado Quarta, è stato un macchinista in transito, che si è accorto della presenza dei ragazzi lungo la linea. Allarmati innanzitutto per l'incolumità dei giovani, i carabinieri sono quindi arrivati sul posto, scoprendo che in realtà i ragazzi avevano posizionato sui binari una lunga fila di sassi.

I quattro hanno ammesso la responsabilità dell'azione, mostrandosi allo stesso tempo - rilevano i carabinieri - "inconsapevoli della gravità del loro gesto derivante dal rischio di esporre a pericolo non solo la loro stessa incolumità, ma anche quella dei viaggiatori che si trovavano sui convogli in transito".

Messa in sicurezza la linea ferroviaria, i minori sono stati accompagnati in caserma al fine di rintracciare i rispettivi genitori, i quali sono stati denunciati "per abbandono di minori o persone incapaci". Si è anche scoperto che tre dei ragazzi provenivano da Bari mentre uno è originario di Modugno, pertanto sono anche scattate le multe per non aver rispettato il distanziamento sociale e per il divieto di allontanarsi dal comune di residenza. La sanzione di 400 euro sarà comminata a carico dei loro genitori.

Al termine delle attività, la 15enne - unica imputabile vista l'età - è stata segnalata alla Procura dei Minori, per attentato alla sicurezza dei trasporti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Nuova arma contro il Coronavirus, farmaco già in uso efficace contro l'infezione Sars-CoV-2: è la ricerca dell'Università degli Studi di Bari

Salute

Una proteina prodotta dal nostro organismo è in grado di combattere i tumori al fegato: la scoperta dell’Irccs de Bellis di Castellana

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento