Cronaca San Paolo / Strada Provinciale Vecchia da Palese a Modugno

Tentano furto in un negozio sotto sequestro, arrestati zia e due nipoti

E' accaduto ieri pomeriggio a Modugno: i tre sono stati sorpresi dai carabinieri mentre cercavano di portar via mobili e suppellettili da un mobilificio della zona posto sotto sequestro

Hanno tentato di svaligiare un negozio di arredamento posto sotto sequestro, portandosi a casa divani, mobili da cucina e suppellettili. È accaduto nel pomeriggio di ieri a Modugno, dove i carabinieri hanno arrestato una 41enne e due suoi nipoti, una 34enne e un 28enne, tutti incensurati di Palombaio di Bitonto, con l’accusa di tentato furto aggravato e violazione di sigilli.

I militari in servizio nella zona, di passaggio sulla strada provinciale 231, nei pressi del mobilificio, hanno notato una Nissan Micra  parcheggiata vicino al negozio, aperta, con i sedili posteriori reclinati e con cinque cacciaviti di varie dimensioni riposti sui sedili anteriore. Giunti nei pressi di una porta antipanico, i carabinieri si sono accorti della presenza di una scala e di un individuo all’interno del negozio, che alla loro vista si è dato alla fuga. Inseguito per poche decina di metri, l’uomo è stato bloccato e identificato nel 28enne. Pochi istanti più tardi, invece, sono uscite dalla medesima porta anche le due donne, bloccate anch’esse nonostante un tentativo di fuga.

Il sopralluogo effettuato all’interno dell’edificio ha permesso di rinvenire, accantonati nei pressi della porta, lampadari, applique, sedie in legno con cuscini, un divano, vari mobili da cucina e una cappa, il tutto pronto per essere portato via. Arrestati, i tre sono stati condotti nel carcere di Bari.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentano furto in un negozio sotto sequestro, arrestati zia e due nipoti

BariToday è in caricamento