Mola chiede lo stop alla Regione: "No ai rifiuti dalla Calabria in contrada Martucci"

“Ho appreso in via informale attraverso alcuni mezzi di informazione nonché attraverso una diretta Facebook del Sindaco di Reggio Calabria, Falcomatà" scrive il sindaco Colonna che si rivolge direttamente al governatore Emiliano

"No allo smaltimento dei rifiuti della Calabria nella discarica Martucci": il sindaco di Mola, Giuseppe Colonna si rivolge al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, esprimendo contrarietà nei confronti della decisione adottata dalla Giunta regionale "senza alcuna condivisione"

"Siamo fermamente contrari - ha dichiarato Colonna - , e non certo per campanilismo, ma per la salute pubblica. Si faccia un passo indietro.  Il primo cittadino ha inviato questa mattina una lettera al governatore, indirizzata anche al presidente del Consiglio regionale, Mario Loizzo, all’assessore all’Ambiente, Giovanni Stea, al sindaco metropolitano di Bari, Antonio Decaro, al presidente Ager, Gianfranco Grandaliano e, per conoscenza, al sindaco di Polignano, Domenico Vitto e al commissario prefettizio di Conversano, Fabio Colapinto.  Colonna chiede un intervento urgente del presidente per “escludere l’impianto TMB (trattamento meccanico-biologico) di contrada Martucci tra i siti pronti ad accogliere i rifiuti provenienti dalla Calabria”. In mancanza, il sindaco di Mola si riserva “ogni ulteriore ed incisivo intervento”.

“Ho appreso in via informale attraverso alcuni mezzi di informazione nonché attraverso una diretta Facebook del Sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà – scrive il sindaco Colonna - la notizia della disponibilità della Regione Puglia ad accogliere i rifiuti solidi urbani provenienti dalla Calabria per essere trattati nell’impianto di contrada Martucci nel territorio di Conversano a seguito di un provvedimento di Giunta regionale del 14 maggio scorso. Pur condividendo il principio di solidarietà manifestato dal governo pugliese – prosegue la lettera - desidero esprimere il mio forte dissenso sia sul mancato coinvolgimento delle amministrazioni dei territori interessati che sulla scelta di individuare l’impianto di TMB sito in contrada Martucci per tale evenienza”.

“Sono note a tutti – sottolinea il sindaco di Mola - le innumerevoli problematiche riguardanti l’Area Vasta di contrada Martucci in cui sono stati accertati interramenti abusivi di rifiuti fuori dalle discariche ufficiali, allargamenti abusivi delle stesse discariche autorizzate, ed ultimo in ordine di tempo la mancata raccolta del percolato, nonché  la mancata messa in sicurezza del lotto 3 nel processo post gestione, per fallimento della Ditta che lo conduceva, nonché del lotto 1: elementi tutti rinvenibili dall’accurata relazione dell’ARPA PUGLIA dello scorso 24 gennaio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Colonna ricorda anche “il deliberato unanime del Consiglio comunale dei Comuni di Conversano e Mola di Bari nella seduta congiunta del 22 novembre 2019, in cui sono state rappresentate la ferma opposizione a ricomprendere Contrada Martucci nel Piano regionale di Gestione dei Rifiuti Puglia, nonché la sollecitazione alle istituzioni a realizzare tutte le opere di messa in sicurezza, monitoraggio e post gestione come indicate nella relazione ARPA del 23 ottobre 2019”. A questo si aggiunge “l’attività del Tavolo tecnico regionale, istituito con l’Ordine del giorno del Consiglio Regionale n. 179/2013, che ha trasmesso formalmente agli Enti interessati accurato piano di monitoraggio e caratterizzazione dell’Area Vasta ed è pronto ad avviare tali procedure in virtù delle risorse messe a disposizione proprio dalla Regione Puglia con la deliberazione di G.R. n. 1122 del 2018”. “La nostra richiesta – conclude e sottolinea il sindaco di Mola - è corroborata da elementi connotati da forte carattere oggettivo e lontani da quell’atteggiamento comunemente definito come Nimby, cioè. Di questi problemi oggettivi, non si può non tener conto. Non consentiremo che ulteriori smaltimenti avvengano in un territorio già fortemente provato e a rischio ambientale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento