menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ai domiciliari per spaccio, ma continua a vendere droga in casa: in carcere 26enne

L'arresto a Molfetta: durante un controllo di routine nella sua abitazione, i carabinieri hanno rinvenuto 230 dosi di marijuana, 'esposte' sul tavolo della cucina e pronte per la vendita

Dallo spaccio a bordo di una moto per le strade di Molfetta, alla vendita 'in casa', nonostante gli arresti domiciliari. E' il caso di un 26enne di Molfetta, condotto in carcere con l'accusa ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Un paio di sera fa, il ragazzo era stato notato dai carabinieri in sella al suo motociclo, sul lungomare di Molfetta, mentre cedeva una bustina di marijuana ad un ragazzo, riuscito a dileguarsi. Il centauro, bloccato, veniva trovato in possesso di altre dosi della stessa sostanza stupefacente e di qualche decina di euro, provento dello spaccio.

Il 26enne è stato quindi sottoposto ai domiciliari, ma non ha evidentemente abbandonato la sua 'attività'. Nella giornata di lunedì, a seguito di un controllo di routine per verificare la sua presenza nell'abitazione, i carabinieri lo hanno trovato in possesso di circa 230 dosi di marijuana, pari a 300 grammi, bilancino di precisione e denaro contante, in piccolo taglio, per una somma pari a 40 euro.

I militari, entrati in casa, hanno subito sentito un forte odore di droga provenire da un piccola stanza, adibita a cucina, e una volta entrati hanno trovato con sorpresa, sul tavolo e ben esposte, le 230 dosi  già confezionate e pronte per l’acquisto da parte degli acquirenti che potevano usufruire del 'supermarket' aperto dal giovane nella sua abitazione. Sul tavolo un bilancino di precisione, nonché altre bustine, pronte per essere confezionate, mentre addosso al giovane venivano trovate banconote di piccolo taglio, per un importo di circa 40 euro. Arrestato nuovamente, stavolta il giovane è stato condotto presso la casa circondariale di Trani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento