Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vede i carabinieri e fa inversione di marcia: nel box auto nascondeva cocaina e marijuana

Un 40enne è finito in manette a Molfetta: l'improvvisa manovra, alla vista della pattuglia, ha destato i sospetti dei militari: nel corso del controllo, effettuato anche nel garage in cui l'uomo si stava recando, è saltata fuori la droga

 

Si è imbattuto in una pattuglia dei carabinieri impegnata in un controllo sulle misure anti-Covid, ma alla vista dei militari ha fatto una 'strana manovra' con l'auto, troppo 'sospetta' per non indurre un controllo da parte dei carabinieri.

Così a Molfetta, nella scorsa serata i militari hanno arrestato un 40enne molfettese per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel transitare nella zona del centro storico, l’attenzione dei militari, è stata attirata da un’ autovettura di colore scuro condotta da un uomo, il quale, alla vista dei militari, ha effettuato  una “strana manovra”, troppo repentina ed incomprensibile, anche data l’assenza di traffico veicolare. Il conducente, dopo aver eseguito la brusca inversione di marcia, ha parcheggiato l’auto sullo scivolo di un box seminterrato e, sceso, si è diretto verso l’ingresso. I militari  l’hanno subito raggiunto ad hanno deciso di procedere al suo controllo eseguendo una perquisizione sia personale che nel box  dove stava entrando. Durante la verifica, all’interno di un secchio, i militari hanno  rivenuto due buste contenenti marjuana per un peso complessivo di 75 gr., una bustina contenente 5 gr. di cocaina e svariato materiale per il taglio della sostanza, come bicarbonato,  mannitolo, nonché materiale per il confezionamento, come bilancini di precisione, bustine in cellophane e nastro adesivo, il tutto sottoposto a sequestro. Per il 44enne, su disposizione della competente A.G., si sono così aperte le porte della Casa Circondariale di Trani.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento