rotate-mobile
Cronaca Molfetta

Molfetta, il 31 dicembre la Marcia della pace

La notizia ufficializzata dal Presidente di Pax Christi, monsignor Ricchiuti, durante l'inaugurazione dell'Ostello dell'accoglienza. Il sindaco: "Ci mobiliteremo per accogliere i pellegrini che giungeranno da tutta Italia. L'ultima volta furono richiamati qui da don Tonino Bello, nel 1992"

Sarà Molfetta ad ospitare, il prossimo 31 dicembre, la Marcia della pace organizzata da Pax Christi. La notizia ufficiale è arrivata oggi direttamente da monsignor Giovanni Ricchiuti, Presidente del Consiglio nazionale dell’Associazione e vescovo della diocesi di Altamura-Gravina, in occasione dell’inaugurazione dell’Ostello dell’accoglienza di Molfetta, dedicato al piccolo Aylan Kurdi, il bambino morto

migranti-5

nella traversata tra Kos e Bodrum. Un appuntamento che quest'anno sarà più che mai legato al nome e al ricordo di don Tonino Bello, vescovo di Molfetta, che di Pax Christi fu Presidente nazionale dal  1985 al 1993, anno della sua morte.

 “Siamo felici di poter riportare a Molfetta la marcia della Pace e ci mobiliteremo per accogliere i pellegrini che giungeranno da tutta Italia. L’ultima volta sono stati richiamati nella nostra città nel 1992 da don Tonino Bello di ritorno da Sarajevo che la concluse con un indimenticabile discorso alla Parrocchia Cuore Immacolato di Maria”, ha ricordato il sindaco Paola Natalicchio. 

“Ringrazio Mons. Ricchiuti – ha aggiunto Natalicchio – la nostra Diocesi che ha accompagnato un anno fa, con il compianto don Gino e oggi con don Mimmo, la nostra richiesta di riportare la marcia a Molfetta. La domanda di accoglienza oggi non arriva dai Balcani come vent’anni fa ma dall’Africa e dal Medio Oriente, e abbiamo il dovere ancora una volta di spalancare le nostre porte, sottraendoci dal dibattito populista alla Matteo Salvini. Molfetta ripudia l’idiozia, il razzismo e spalanca le porte all’integrazione, alla non violenza e alla pace”.

A partire da un gesto concreto che per il terzo anno consecutivo vede il Comune impegnato nell’ostello dell’accoglienza, una tensostruttura dedicata a migranti e ambulanti per i giorni della Festa Patronale,  attrezzata con letti dove passare la notte, bagni, docce, un’area bambini. L’ostello è gestito dai volontari del Forum Molfetta accogliente, nato a ottobre del 2013 dopo la positiva esperienza della Festa Patronale, di cui fanno parte Agesci, Cngei, Amnesty, Emergency, Comitando, Azione Cattolica, Croce Rossa, Fidapa, Consulta femminile, Unesco, Salesiani, Auser.
“Fuori dalle emergenze e dai titoli di giornali – conclude il sindaco Natalicchio – diamo un segnale concreto assieme ai volontari, accogliamo dignitosamente gli ambulanti che vengono qui a rendere gioiosa la nostra fiera offrendo un posto dove dormire con i loro bimbi. Ci aiuta a mantenere il decoro ma è anche un gesto simbolico perché a Molfetta nessuno è straniero”. 

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molfetta, il 31 dicembre la Marcia della pace

BariToday è in caricamento