menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Molfetta, rapinano bar e tentano la fuga: scatta l'inseguimento, malviventi arrestati

Presi due sorvegliati speciali: prima l'intervento di una pattuglia di vigilanza privata, poi l'inseguimento dei carabinieri. In manette un 29enne e 48enne di Giovinazzo

In trasferta da Giovinazzo a Molfetta per rapinare un bar. In due hanno fatto irruzione nel locale, intimando al titolare di consegnare il denaro presente in cassa. L'uomo ha cercato di reagire, scatenando così l'aggressione da parte dei malviventi: nella violenta colluttazione una vetrata è andata in frantumi, ferendo il barista.

Dopo aver arraffato il bottino, i due banditi sono usciti dal bar, cercando di dileguarsi a bordo di una Lancia Y con la quale erano giunti sul posto. Non tutto però è andato secondo i loro piani. All'esterno del bar si sono imbattuti in una pattuglia di un istituto di vigilanza privata. Uno dei due malviventi è quindi fuggito a piedi, mentre il conducente ha ingranato la marcia ed è ripartito velocemente, innescando così un inseguimento con una “gazzella” dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Molfetta sopraggiunta in quel momento. Lo spericolato tentativo di fuga si è protratto dal centro abitato fino alla statale 16 bis, dove il fuggitivo ha abbandonato il mezzo e si è dileguato nei campi. Inseguito a piedi da un militare, è stato definitivamente bloccato e tratto arrestato dopo una breve colluttazione.

VIDEO: I MOMENTI DELLA RAPINA E IL TENTATIVO DI FUGA

I successivi accertamenti hanno permesso anche di identificare il complice riuscito a dileguarsi, rintracciato a Giovinazzo e tratto in arresto poco più tardi, mentre rincasava. In manette sono così finiti due sorvegliati speciali di Giovinazzo, un 29enne e un 48enne. Su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, i due sono stati condotti nel carcere di Trani.

Le verifiche eseguite sull'auto utilizzata dai rapinatori hanno permesso di appurare che la stessa era stata rubata in una concessionaria di Giovinazzo lo scorso mese di luglio. I due dovranno quindi di rispondere, oltre che di rapina aggravata, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale, anche di ricettazione.

Il titolare del bar, condotto presso il locale ospedale, ha riportato lesioni ad un braccio giudicate guaribili in una ventina di giorni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento