Cronaca Molfetta

Molfetta, riapre caffetteria sequestrata alla mafia: "Nuova gestione nella legalità"

Questo pomeriggio cerimonia di inaugurazione dell'attività commerciale un tempo di proprietà del boss Alfredo Fiore, deceduto. L'esercizio venne sequestrato nell'aprile 2015

Riapre a Molfetta un bar sottratto alla criminalità: si tratta della 'Caffetteria Mirador', già di proprietà della famiglia del deceduto boss Alfredo Fiore e quindi sequestrata dalla Guardia di Finanza nell'aprile 2015, in esecuzione di un provvedimento disposto dal Tribunale per le misure di prevenzione di Bari. Questo pomeriggio la cerimonia di restituzione alla città del bene, rinnovato anche nella gestione affidata legalmente a imprenditori. Il sequestro venne ricordato per essere il primo caso in cui la misura di prevenzione patrimoniale venne attuata per un procedimento il cui l’intestatario dei beni era già deceduto. Il provvedimento, infatti, fu disposto nei confronti degli eredi, così come previsto del Codice antimafia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molfetta, riapre caffetteria sequestrata alla mafia: "Nuova gestione nella legalità"

BariToday è in caricamento