menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Contagi Covid in Rssa a Monopoli, due vittime tra gli ospiti. Nella cittadina 101 positivi

A fare il punto sulla situazione il sindaco Angelo Annese: deceduto anche un altro cittadino monopolitano ricoverato nei giorni scorsi per Covid. Annese: "Aumentano i numeri e la mia preoccupazione, rispettate le regole"

Ci sono due vittime tra gli ospiti della Rssa di Monopoli risultati nei giorni scorsi positivi al Covid (61, complessivamente, i contagi accertati). A darne notizia è il sindaco, Angelo Annese, spiegando che "sono venuti a mancare tre ospiti della Rssa, due erano affetti da covid e si tratta di una nostra concittadina e di un ospite non monopolitano, un altro ospite invece è venuto a mancare improvvisamente ma per altre ragioni in quanto non era positivo al Covid". Nella cittadina di Monopoli, inoltre, si registra anche un altro decesso "di un signore - riferisce Annese - che era stato ricoverato nei giorni scorsi per Covid che purtroppo non ha vinto la sua battaglia".

Nella residenza per anziani, spiega il sindaco, "al momento il problema principale è rappresentato dalle difficoltà degli operatori. Sono diventati pochi perché alcuni di loro, inizialmente negativi, sono in isolamento. Mi sono interfacciato con gli enti preposti - prosegue Annese - ed oggi sono stati forniti DPI e sono state attivate le USCA. Adesso spero che nei prossimi giorni arrivi anche supporto fisico con altro personale. A loro sono vicino così come a tutti i cittadini positivi che cerco di sentire personalmente".

Intanto, a Monopoli i cittadini positivi al Covid sono diventano 101 (a cui si aggiungono i casi della Rssa), e il sindaco lancia un nuovo appello ai cittadini: "Non vi nascondo che con i numeri che aumentano, proporzionalmente aumenta anche la mia preoccupazione. Vi invito per favore a rispettare tutte le regole, non assembratevi nè all’esterno ma nemmeno nelle case dove i controlli non possono chiaramente arrivare. Qualcuno pensando che il Covid sia una realtà lontana in parte non ha modificato le sue abitudine e regolarmente domani andrà a pranzo magari dai genitori anziani. Ricordate - conclude Annese - che il virus viaggia sulle nostre gambe, non portiamolo a spasso. Con noi può entrare nelle case dei nostri cari e con gli altri può entrare nelle nostre case".

(foto repertorio Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento