Cronaca

Precipitò dal parapetto del lungomare di Taranto, morta la studentessa barese in coma

Non ce l'ha fatta Isabella, la 17enne che lo scorso 6 giugno era precipitata dalla ringhiera del lungomare del capoluogo ionico mentre scattava delle foto con alcune compagne di classe. I genitori hanno acconsentito alla donazione degli organi

Troppo gravi le ferite e il trauma cranico causati da quella terribile caduta sugli scogli del lungomare di Taranto. Non ce l'ha fatta Isabella Fracchiolla, la studentessa di 17 anni del quartiere San Paolo che lo scorso 6 giugno era precipitata dalla rotonda del lungomare del capoluogo ionico, dove si trovava in gita. Da allora la ragazza era ricoverata nel reparto di rianimazione del Santissima Annunziata, dove era stata trasportata in condizioni disperate. Trascorso il periodo di osservazione, la 17enne è stata dichiarata morta: i genitori, con un grande gesto di amore e di generosità, hanno acconsentito alla donazione degli organi.

La 17enne, che frequentava un corso di formazione regionale, era a Taranto in gita. Insieme alle compagne, stava scattando un selfie sul lungomare, quando avrebbe perso l'equilibrio, precipitando da un'altezza di venti metri. In seguito all'incidente è stata aperta un'inchiesta: un insegnante e un tutor sono indagati con l'accusa di omessa vigilanza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precipitò dal parapetto del lungomare di Taranto, morta la studentessa barese in coma

BariToday è in caricamento