menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Locorotondo sotto choc: è morto l'ex sindaco e medico di medicina generale Ubaldo Amati, era ricoverato per Covid

Aveva 65 anni. Con il suo nome, sale a 14 il numero dei medici pugliesi morti a causa dell’epidemia di Covid-19.

È purtroppo scomparso oggi Ubaldo Amati, 65 anni, medico di medicina generale ed ex sindaco di Locorotondo. Contagiato dal SAR-Cov-2, era ricoverato da tempo presso il Policlinico di Bari. Con il suo nome, sale a 14 il numero dei medici pugliesi morti a causa dell’epidemia di Covid-19.

“A nome di tutto il consiglio dell’Ordine esprimo le mie più sentite condoglianze alla moglie Antonella e ai due figli Dario e Carlo, anche loro medici - ha dichiarato Filippo Anelli, presidente dell’Ordine dei medici di Bari - “Si era impegnato con abnegazione e spirito di sacrificio durante l’emergenza, per assistere i pazienti della Rsa di Locorotondo. Rappresenta un esempio per tutti i medici.”


Il sindaco di Locorotondo, Antonio Bufano, ha ricordato così in un post su Facebook il dottor Amati: “L’amico Ubaldo se n’è andato dopo dure settimane di lotta contro il Coronavirus: una lotta che aveva lasciato profondi strascichi al suo stato di salute. Ubaldo non è stato semplicemente un medico o un ex sindaco straordinario, Ubaldo era legato profondamente alla nostra terra. Ci teneva così tanto che, quando è stato necessario doversi impegnare in prima linea per mettere in sicurezza la RSA Domus Sancta Familia, non ha esitato un solo secondo a dare il suo supporto. Ai suoi familiari, amici e conoscenti, vanno le mie condoglianze più sentite e quelle di tutta l’Amministrazione comunale. In ricordo di Ubaldo, e dell’opera che ha svolto al servizio della nostra città, ho da poco firmato l’ordinanza che dichiara per domani, venerdì 19 febbraio, una giornata di lutto cittadino. Ciao Ubaldo, che la terra ti sia lieve”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento