Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Morto per trombosi al Policlinico giorni dopo il vaccino J&J, la famiglia pronta a sporgere denuncia

L'avvocato della famiglia di Alessandro Cocco, deceduto il 15 giugno scorso: "Si tratta di una vicenda gravissima che sicuramente presenta dei tratti che meritano un approfondimento nelle opportune sedi giudiziarie"

"Si tratta di una vicenda gravissima che sicuramente presenta dei tratti che meritano un approfondimento nelle opportune sedi giudiziarie. Presenteremo una denuncia in Procura con la richiesta di sequestro di tutta la documentazione medico-sanitaria. Occorre stabilire se la morte del signor Cocco si sarebbe potuta evitare". Ad affermarlo è l'avvocato Daniele Bocciolini, legale della famiglia di Alessandro Cocco, il 54ennne deceduto nel Policlinico di Bari lo scorso 15 giugno, a pochi giorni dalla somministrazione del vaccino anti-Covid monodose Johnson & Johnson.

"In particolare - afferma l'avvocato - è necessario verificare se e in che termini il decesso sia riconducibile alla somministrazione del vaccino, oppure se sia collegato sotto il profilo causale ad un'azione o omissione per colpa consistita in una  imprudenza, negligenza o imperizia: se così fosse, dovranno essere individuati gli eventuali responsabili. La famiglia ha diritto di conoscere come sono andati realmente i fatti e farò di tutto per aiutarli".

"Vogliamo la verità. È un nostro diritto, lo facciamo per lui" dicono i figli Roberto e Valeria Cocco. "Nostro padre di appena 54 anni, sportivo, in perfetta forma, morto dopo essersi vaccinato con J&J il 26 maggio all'hub di Alberobello - ricordano i figli - si sarebbe dovuto sposare con la nuova compagna il 18 giugno. Da quanto ci hanno riferito, papà avrebbe peraltro dichiarato prima di sottoporsi al vaccino che soffriva di flebite e problemi alla safena e, pur potendo optare per il Moderna, gli sarebbe stato somministrato il monodose Johnson".

L'uomo, nei giorni successivi, avrebbe inizialmente avvertito un forte dolore alla gamba per poi rivolgersi al medico di Bari. Il 10 giugno, invece, al pronto soccorso dell'ospedale Miulli di Acquaviva gli "veniva riscontrata una piastrinopenia e una trombosi agli arti inferiori" ricostruiscono i figli e, infine, al Policlinico dove, ormai in condizioni critiche, sarebbe entrato subito in coma fino al decesso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto per trombosi al Policlinico giorni dopo il vaccino J&J, la famiglia pronta a sporgere denuncia

BariToday è in caricamento