Campi e chiusi e "nel degrado" a Mungivacca, il M5S: "Il Comune li renda accessibili"

La consigliera Alessandra Simone: "Le strutture non sono più fruibili da 4 mesi e versano in uno stato di assoluto abbandono. Area parcheggio scarsamente illuminata"

Campi e giardino "nel degrado" e vialetti dove vi sarebbero "topi, zanzare e nidi d'ape": il Movimento Cinque Stelle al Municipio II chiede chiarimenti al Comune sullo stato di alcune opere del quartiere Mungivacca la cui gestione è recentemente passata al Comune dopo la scadenza della convenzione tra Palazzo di Città e l'azienda Debar Costruzioni Spa che le realizzate e manutenute per 5 anni. Tra queste vi sono due parcheggi, un piccolo parco e zone dedicate alla pratica sportiva, sprovviste di spogliatoi e docce. Le opere sono state consegnate il 27 ottobre scorso al Comune, chiavi comprese: "Ad oggi - spiega la consigliera pentastellata Alessandra Simone - dopo 4 mesi, le opere realizzate, quanto mai necessarie alla qualità della vita dei residenti del quartiere, versano in uno stato di assoluto abbandono. Il giardino e i campi, una volta gestiti da associazioni sportive,  non sono più accessibili ed illuminati, gli arredi del giardino sono da ripristinare,le aiuole e i viali sono invasi da vegetazione infestante e, come se non bastasse, è stata riscontrata in zona la presenza  di topi, zanzare e nidi d’ape. Nell’area parcheggio, già scarsamente illuminata, sono presenti, inoltre, notevoli quantità di rifiuti abbandonati.

"Ho chiesto pertanto alla Ripartizione Patrimonio, Lavori Pubblici e ai relativi assessori - aggiunge Simone - il ripristino dei luoghi, la sostituzione dei giochi, la manutenzione programmata del verde e la fruizione del giardino e dei campi sportivi. La gestione di questi ultimi potrebbe essere affidata, attraverso un bando, ad un’associazione sportiva, come in passato. Ho richiesto, infine, la rimozione dei rifiuti e l' incremento dell’illuminazione e delle alberature nei pressi dei parcheggi.  E’ importante - conclude - che le opere cedute al Comune siano immediatamente accessibili a chiunque, soprattutto se le stesse sono ubicate in un quartiere di periferia che non ha a disposizione altri luoghi di svago e aggregazi​one".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

  • "Puntiamo alla zona gialla". Decaro: "Con misure meno restrittive per un Natale più sereno"

  • Emiliano fa il punto sull'epidemia covid: "In Puglia indice rt a 1,06. Da noi 15 giorni di ritardo per riapertura scuole"

Torna su
BariToday è in caricamento