Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca

Si invaghisce della collega di lavoro e la perseguita, in manette un 49enne

Da mesi ossessionava la ragazza, una 26enne conosciuta sul posto di lavoro, con sms, telefonate e pedinamenti. L'epilogo della vicenda iera sera, quando i carabinieri l'hanno sorpreso ad imbrattare con scritte ingiuriose i muri esterni dell'abitazione della vittima

Una pattuglia dei carabinieri


Un 49enne del quartiere Murat è finito in manette ieri sera con l'accusa di stalking. Da mesi l'uomo, consulente legale in un'azienda, perseguitava una 26enne conosciuta sul posto di lavoro, ossessionandola con telefonate, e-mail ed sms a sfondo sessuale.

Respinto con forza dalla vittima, l'uomo era poi passato anche alle ingiurie e alle aggressioni fisiche, pedinando la vittima ed appostandosi davanti alla sua abitazione e al suo ufficio. Una presenza ossessiva, che aveva persino spinto la ragazza a licenziarsi dall'azienda per la quale lavorava pur di non incontrare più l'uomo.

Ma la persecuzione era continuata, fino a quando ieri sera i carabinieri, allertati dalla vittima, hanno colto in flagrante lo stalker mentre, armato di una bomboletta spray, imbrattava di segni e scritte ingiuriose le pareti esterne del condominio in cui abita la vittima. Tratto in arresto, il 49enne si trova ora rinchiuso nel carcere di Bari.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si invaghisce della collega di lavoro e la perseguita, in manette un 49enne

BariToday è in caricamento