menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chioschi ambulanti, il Municipio I definisce le postazioni: "Tutelato il lungomare"

Individuate le aree per la collocazione dei furgoni paninoteca: il parere dovrà ora essere approvato dal Consiglio comunale. La presidente Micaela Paparella: "Nostro intento preservare il decoro, abbiamo cercato un equilibrio tra esigenze dei residenti e degli esercenti"

'Rivoluzione' in vista per paninoteche e chioschi ambulanti. Ieri il I Municipio ha definito le nuove aree che potranno essere concesse ai privati per il posteggio dei furgoni-paninoteca. Il parere passerà ora al vaglio del Consiglio comunale, che dovrà esaminarlo nell'ambito dell'approvazione del nuovo Piano comunale del commercio. 

"Il documento approvato ieri - spiega una nota del Comune - preserva luoghi e giardini sottoposti al vincolo da parte della Sovrintendenza su tutto il lungomare, dal castello Svevo fino al palazzo della Corte dei Conti, e nel contempo garantisce continuità lavorativa a coloro che svolgono attività commerciale nel rispetto della normativa vigente". Un modo, quindi, anche per provare a mettere un freno all'abusivismo e alla presenza di bancarelle non autorizzate.

Per quanto riguarda il litorale, sarà realizzato un bando per l’assegnazione di tre postazioni fisse nel tratto compreso da teatro Margherita ai giardini Baden Powell, e una postazione fissa in strada torre Tresca, nei pressi di corso Antonio de Tullio. "I chioschi - precisa la nota - dovranno rispondere ai requisiti previsti dal regolamento comunale per l’arredo urbano, previo parere della Sovrintendenza, nel rispetto del decoro e del contesto territoriale".

Definite anche le aree pubbliche che potranno ospitare posteggi isolati mobili, scelte prevalentemente in funzione di parcheggi e dunque di spazi disponibili: via Andrea Bonsante (Torre a Mare) in prossimità di piazza Belvedere, vista la vicinanza con il parcheggio pubblico; via Caldarola (Japigia), vista la vicinanza con il parcheggio pubblico; via Brigata Regina (Libertà) in prossimità di corso Mazzini, vista la vicinanza con il parcheggio esterno del mercato coperto; nei pressi di via Fabio Filzi in prossimità della spiaggia di Pane e Pomodoro (Madonnella); via caduti del 28 luglio 1943 (Madonnella) vista la vicinanza con il parcheggio antistante la chiesa di San Sabino; nei pressi del giardino punta Perotti (Madonnella).

“Attraverso questo parere - commenta la presidente del Municipio I Micaela Paparella- abbiamo cercato di tutelare il lungomare di Bari che è il nostro biglietto da visita, i suoi beni monumentali e i luoghi di interesse storico e turistico. Il nostro intento è quello di contribuire a preservare il decoro in una zona frequentata da molte persone, soprattutto nel periodo estivo. Allo stesso tempo, abbiamo ritenuto doveroso cercare un equilibrio tra le legittime esigenze dei residenti e degli esercenti presenti lungo il tratto costiero e le preferenze di tanti cittadini che apprezzano lo street food”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento