L'Asl attiva nuovi presidi medici nel Barese: ambulatori infermieristici in arrivo in tre comuni

L'annuncio da parte delle amministrazioni comunali di Polignano, Mola e Molfetta. Per quest'ultima è stata sviluppata una convenzione con l'istituto Tumori Giovanni Paolo II

Tre nuovi presidi medici saranno aperti nei prossimi mesi nella provincia di Bari. Ad annunciarlo sono direttamente le amministrazioni comunali, dopo la conferma arrivata nelle scorse ore attraverso nota ufficiale dell'Asl Bari.

Ambulatori a Mola e Polignano

Ad essere interessate dalle nuove aperture è principalmente l'area del sud Barese, con i presidi di Mola di Bari e Polignano. Nella città di Domenico Modugno si è concretizzata la richiesta fatta dal sindaco Domenico Vitto già a ottobre dello scorso anno. Da allora è stata una battaglia tra solleciti, dialogo e lavoro a diversi livelli, ma alla fine il risultato è arrivato, come spiega lo stesso primo cittadino: "Con tanta soddisfazione, quindi, vi annuncio che Polignano avrà un ambulatorio infermieristico pubblico". Il nuovo presidio potrà così fornire prestazioni sia sul posto, che a domicilio.

È di ieri anche la nota dell'Asl che conferma l'attivazione dell'ambulatorio a Mola, che avrà sede in via Don Giustino Russolillo, nei locali che attualmente ospitano la R.S.A. Il documento a firma del direttore generale dell'Asl, Antonio Sanguedolce, chiede anche di indicare il personale infermieristico che sarà assegnato alla struttura, che dovrà poi essere formato "al fine - si legge - di poter erogare prestazioni per il paziente fragile e la presa in carico delle patologie più complesse, tanto anche al fine della prevenzione delle complicanze e della riduzione dei ricoveri. Soddisfazione per la notizia del sindaco Giuseppe Colonna: "Sin dall’inizio del nostro mandato abbiamo avviato contatti con la Direzione Generale della Asl Bari per attivare a Mola di Bari - spiega - un ambulatorio infermieristico pubblico che fosse in grado non solo di sopperire ma di migliorare i servizi sanitari nella nostra città soprattutto dopo la chiusura del Punto di Primo Intervento. Alcune volte non si comprende come questi percorsi abbiano la necessità di un lavoro costante".

A Molfetta l'ambulatorio di Ematologia

Discorso diverso per la città di Molfetta, dove il 1 luglio scorso è stata annunciata l'apertura di un ambulatorio specialistico di Ematologia. Un presidio che sarà aperto grazie a una collaborazione tra Asl e l'Istituto tumori 'Giovanni Paolo II' di Bari. Nel presidio presteranno servizio e opereranno proprio i medici dell'Oncologico. L’apertura dell’ambulatorio decentrato, all’interno del quale sarà possibile effettuare controlli e seguire terapie trasfusionali, consentirà così di ridurre i disagi per i pazienti oncologici costretti a raggiungere Bari.

181b3a0d-d6d8-4a16-ae0c-9a1126a30cf6_75815f387194dfab5d9bf5149e48b6bf-2

La notizia era stata anticipata da Attilio Guarini, direttore dell’Istituto tumori 'Giovanni Paolo II', nel corso della serata conclusiva della mostra 'Molfetta in volo', che vede esposti 80 scatti panoramici realizzati con un drone per raccogliere fondi proprio in favore del reparto di Ematologia dell'ospedale.

Potrebbe interessarti

  • ''U scazzecappetìte'': sapete cos'è?

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • 7 consigli per eliminare il cattivo odore delle ascelle

  • Animali domestici: le regole da rispettare se vivi in un condominio

I più letti della settimana

  • Battiti Live a Bari, svelato il cast: ecco chi sarà sul palco per il gran finale

  • Si sottopone a operazione per dimagrire, madre 35enne muore dopo bendaggio gastrico alla clinica Mater Dei

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Morta dopo intervento per dimagrire alla Mater Dei, indagati 3 medici: domani l'autopsia

  • Dal gioco d'azzardo alle estorsioni agli imprenditori: la mappa dei racket dei clan in città

  • Furbetti del cartellino all'ospedale San Giacomo di Monopoli: i nomi dei 13 arrestati

Torna su
BariToday è in caricamento