"Oltre 2700 donatori di sangue": la generosità dei pugliesi per le vittime del disastro ferroviario

Il governatore Emiliano: "Orgoglioso di loro. Un bellissimo gesto che ci restituisce il senso di una comunità capace di stringersi attorno ai fratelli più colpiti". Si mobilita anche la comunità islamica

Donatori in attesa all'esterno del Centro Trasfusioni del Policlinico

In poco più di ventiquattro ore sono stati 2724 i pugliesi che hanno donato, nei 21 centri trasfusionali pugliesi, il sangue  da destinare ai feriti dell'incidente ferroviario di ieri sulla Corato-Andria. A comunicare il dato è il governatore Michele Emiliano: "Sono orgoglioso di loro - ha dichiarato - e vorrei ringraziare e abbracciare tutti i cittadini che si sono messi in fila da ieri per donare il proprio sangue - ha detto Emiliano - un bellissimo gesto che ci restituisce il senso di una comunità che, al momento del bisogno, si stringe intorno ai più fragili, ai più colpiti. Vorrei ringraziare la macchina perfetta della Protezione civile - ha aggiunto Emiliano - così come tutti gli operatori del 118, gli operatori sanitari degli otto ospedali che hanno accolto i feriti, i medici dell’Istituto di medicina legale del Policlinico di Bari che con grande sensibilità hanno svolto un lavoro davvero difficile, quello del riconoscimento delle vittime". La capillare organizzazione sul fronte donazioni è stata realizzata dal Dipartimento regionale Promozione della Salute, del Benessere Sociale e dello Sport per Tutti assieme al Coordinamenti Regionale delle Attività Trasfusionali (Crat). Al Policlinico in tanti, anche questa mattina, erano in fila per dare il proprio sangue agli operatori: "Ci è sembrato un gesto spontaneo e doveroso" hanno raccontato alcuni studenti in coda mentre compilavano il modulo per la donazione.

Anche la comunità islamica barese si è mobilitata per aiutare le persone coinvolte nel disastro. In 20,  tra cui l'imam Shwandy Gazi, hanno effettuato le loro donazioni nel capoluogo e in alcuni centri della provincia: " Ci sentiamo anche noi musulmani pugliesi colpiti profondamente da questa tragedia che ha sconvolto le nostre famiglie - ha dichiarato Sharif Lorenzini presidente della Cidi (Comunità Islamica d’Italia) - per questo abbiamo deciso di aiutare concretamente i feriti lacerati nel corpo e nell’anima".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vipera in giardino: come riconoscerla e cosa fare in caso di morso

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Il Coronavirus fa ancora paura nella provincia: un decesso a Polignano, crescono i contagi a Noicattaro

  • Vento forte e temporali in arrivo nel Barese: scatta l'allerta meteo arancione

  • Contagi dopo festa di 18 anni, chiude scuola ad Altamura: "Inconcepibili party per ballare"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento