Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Omicidio Blasi in via Buozzi, sgarro o vendetta? "Esclusa pista dei clan"

Proseguono le indagini della Squadra Mobile sull'agguato di ieri pomeriggio in un cortile condominiale: la vittima non sarebbe legata ai gruppi criminali della città

Uno sgarro o forse una vendetta? Proseguono le indagini sulla morte di Antonio Blasi, 33enne freddato ieri pomeriggio in un cortile condominiale di una palazzina in via Bruno Buozzi, al quartiere Stanic di Bari. Blasi, con precedenti per spaccio, non sarebbe legato ad alcun clan della città: per questa ragione, gli inquirenti della Squadra Mobile, escludono la pista della lotta tra gruppi criminali del territorio. Il 33enne si era recato di proposito sul posto, forse per incontrare qualcuno. Quel che è certa è la modalità di azione: 3 colpi esplosi, finiti al ventre, al braccio e nell'addome della vittima. La sparatoria, avvenuta attorno alle 18,30, sarebbe potuta generare in strage, poiché, in quel momento, vi erano diversi ragazzini che giocavano nel cortile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Blasi in via Buozzi, sgarro o vendetta? "Esclusa pista dei clan"

BariToday è in caricamento