Cronaca Stanic

Processo omicidio Bove, Veronico condannato a 15 anni

Si è concluso ieri il processo per l'omicidio di Maurizio Bove, il 36enne ucciso nella sua casa del quartiere Stanic nella notte tra il 10 e l'11 aprile 2009. La protesta della famiglia: "Mio figlio non vale 15 anni"

E' stato condannato a 15 anni di carcere il 22enne Marco Veronico, ritenuto responsabile dell'omicidio del 36enne Maurizio Bove ucciso con 53 coltellate nella sua casa del rione Stanic di Bari nella notte tra il 10 e l'11 aprile 2009.

Droga e sesso i moventi dell'omicidio, secondo il pm Patrizia Rautis che ha coordinato le indagini. Bove e Veronico si erano conosciuti qualche giorno prima del delitto, si erano sentiti qualche volta e quella sera si erano dati appuntamento a casa della vittima verso mezzanotte. Veronico avrebbe agito in un raptus di violenza forse dovuto all'abuso di cocaina assunta prima dell'incontro.

Ad incastrare l'omicida l'analisi dei tabulati telefonici della vittima e un'orma lasciata sul luogo del delitto, in seguito analizzata e giudicata compatibile con la pianta del piede di Veronico.


La sentenza, emessa ieri al termine del processo con rito abbreviato, è stata accolta dalle proteste della famiglia, che l'ha giudicata troppo blanda. "Mio figlio non vale 15 anni" ha gridato la mamma di Maurizio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo omicidio Bove, Veronico condannato a 15 anni

BariToday è in caricamento