menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Bruna Bovino, la Cassazione annulla assoluzione dell'ex amante: ci sarà un nuovo processo d'appello

La decisione della Suprema Corte: Antonio Colamonico era stato assolto in appello per il delitto avvenuto il 12 dicembre 2013. La ragazza venne ritrovata morta nel centro estetico da lei gestito a Mola

La Corte di Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza con cui, nel novembre 2018, la Corte d'Assise d'Appello di Bari aveva assolto Antonio Colamonico dall'omicidio di Bruna Bovino, la 29enne estesista uccisa il 12 dicembre 2013 nel suo centro estetico di Mola. 

Colamonico era stato assolto in Appello, "per non aver commesso il fatto" con una sentenza che aveva ribaltato la decisione in primo grado, ovvero una condanna a 25 anni di reclusione. L'uomo, difeso dagli avvocati Nicola Quaranta e Nico D'Ascola, era stato accusato con l'accusa di omicidio volontario e incendio doloso, appiccato, per gli inquirenti, con l'obiettivo di cancellare le tracce dell'uccisione della sua ex amante. Bruna venne uccisa con 20 colpi di forbice e quindi strangolata: venne ritrovata semicarbonizzata sul pavimento del centro estetico. I giudici della Cassazione hanno accolto il ricors odella Procura generale di Bari e delle parti civili. tra cui i familiari di Bruna e associazioni antiviolenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento