Cronaca San Paolo

Agguato mortale al San Paolo, la vittima conosceva i sicari

Proseguono le indagini sull'omicidio avvenuto ieri sera alla zona industriale. E' probabile che la vittima conoscesse i suoi assassini, avendo aperto loro la porta di casa. Poco probabile l'ipotesi della guerra tra clan

Proseguono a ritmo serrato le indagini per risalire all'identità dei killer che ieri sera alla zona industriale di Bari hanno ucciso il 48enne Francesco Campanella e ferito gravemente il 34enne Nicola Lupello. Gli investigatori ipotizzano che la vittima conoscesse i suoi assassini: sarebbe stato Campanella stesso, infatti, ad aprire loro la porta della sua abitazione prima di essere raggiunto dai tre colpi di pistola che lo hanno ucciso.

Gli investigatori per il momento non escludono nessuna pista, anche se l'ipotesi di un omicidio maturato nell'ambito di una guerra tra clan rivali sembra aver perso consistenza nelle ultime ore, mentre è più probabile che possa essersi trattato di una vendetta legata a faccende private.

Intanto in queste ore sarà eseguita l'autopsia sul cadavere disposta dalla pm Desiree Digeronimo, mentre il secondo uomo ferito, Nicola Lupello, e' stato sottoposto ad un intervento chirurgico molto delicato e ora le sue condizioni fisiche sono stabili, anche se non puo' considerarsi del tutto fuori pericolo.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agguato mortale al San Paolo, la vittima conosceva i sicari

BariToday è in caricamento