rotate-mobile
Cronaca

Omicidio Diomede a Carrassi, dopo sei anni in manette il presunto killer Antonio Moretti

Ordinanza del Gip su richiesta della Dda. L'uomo era già detenuto per il triplice delitto del San Paolo, nel 2013. L'agguato avvenne la sera del 28 agosto 2011, al termine di un conflitto a fuoco per le vie del quartiere

I Carabinieri hanno eseguito, questa mattina, un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Antonio Moretti, 35enne pluripregiudicato, accusato dell'uccisione di Cesare Diomede, freddato la sera del 28 agosto 2011 per le vie del quartiere Carrassi di Bari al termine di un conflitto a fuoco tra due gruppi armati, a bordo di moto. Moretti, già detenuto e condannato all'ergastolo per il triplice omicidio del San Paolo, nel 2013, è accusato di omicidio volontario e detenzione e porto dell'arma utilizzata per uccidere Diomede. L'ordinanza è stata emessa dal Gip del Tribunale di Bari su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. Il giudice ha anche riconosciuto, nei confronti di Moretti, l'aggravante di mafia. Le indagini sono state eseguite dal Comando provinciale Carabinieri di Bari, con il coordinamento della Dda. In precedenza erano state individuate altre persone coinvolte nella sparatoria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Diomede a Carrassi, dopo sei anni in manette il presunto killer Antonio Moretti

BariToday è in caricamento